Italia

Facebook blocca l’account delle foto fake del funerale di Riina

social media

Facebook blocca l’account delle foto fake del funerale di Riina

«Il profilo “Mario De Luise”, che aveva condiviso una foto su un membro del Governo italiano, è stato rimosso per continue e ripetute violazioni degli Standard della Comunità di Facebook. Questo ha quindi determinato la rimozione dello stesso post in questione». Così Facebook spiega la “scomparsa” dell’account che negli ultimi giorni è stato protagonista dell’ennesima fake news, in qualche modo legata alla scomparsa del boss di Cosa Nostra Totò Riina. In questo caso non si è trattato di un malinteso nè di scarsa attenzione e cura delle fonti, bensì dell’utilizzo di una fotografia fuori dal suo contesto - ossia in occasione dei funerali di Totò Riina - con l’obiettivo di screditare le persone raffigurate: in particolare la presidente della Camera Laura Boldrini, la sottosegretaria Maria Elena Boschi nonchè il vicepresidente del Parlamento Europeo David Sassoli.

Un tentativo goffo, tanto da far pensare alcuni della possibilità che il Mario De Luise del profilo social fosse finto e che invece avesse come scopo quello di rafforzare l’immagine delle persone raffigurate in foto, trasformandole in vittime. Una eventualità smentita, in sostanza dal social media, che ha sottolineato la continuità di comportamenti offensivi su Facebook da parte di De Luise, contrari ai codici che la piattaforma fondata da Mark Zuckerberg ha elaborato proprio per fermare hating e cyberbullismo in rete.

Alla pubblicazione dell’immagine hanno fatto seguito le dichiarazioni di Boschi e di altri esponenti del Pd che hanno chiamato in causa i vertici del Movimento 5 Stelle, cui pare aderire Mario De Luise.

Il fenomeno delle fake news e delle bufale in rete è presente da anni ma è esploso in concomitanza dell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca lo scorso anno e della crescita dei social media come veicolo di informazione prioritaria e principale per fette sempre crescenti della popolazione, italiana e internazionale.

© Riproduzione riservata