Italia

@AstroPaolo è tornato sulla Terra: l’atterraggio in…

  • Abbonati
  • Accedi
un viaggio lungo 139 giorni

@AstroPaolo è tornato sulla Terra: l’atterraggio in Kazakistan

Il saluto dallo spazio di  @AstroPaolo
Il saluto dallo spazio di @AstroPaolo

È atterrata in Kazakistan la navetta russa Soyuz, che ha riportato a Terra a l'astronauta dell'Agenzia spaziale europea (Esa) Paolo Nespoli e i suoi compagni di equipaggio, l'americano Randy Bresnik (Nasa) e il russo Sergei Ryazansky (Roscosmos). Il rientro è avvenuto, come previsto, nella steppa del Kazakhstan. Dopo 139 giorni si conclude così la missione Vita, dell'Agenzia spaziale italiana. «Bentornato Paolo! Grazie per aver portato a termine con successo la tua missione e per tutto quello che hai fatto per la scienza e per lo spazio in questi cinque mesi sulla Stazione spaziale internazionale», ha sottolineato il presidente dell’Asi Roberto Battiston in un messaggio all’astronauta. «Sei un esempio dell'eccellenza che può esprimere l'Italia quando mette a sistema le sue qualità, i suoi uomini e donne migliori, le sue aziende altamente specializzate. L'Italia che fa ricerca scientifica e sperimenta nuove tecnologie è un investimento sul futuro per tutto il nostro Paese». La missione Vita è la terza di lunga durata dell’Asi dopo quelli degli astronauti dell'Esa Luca Parmitano del 2013 (Volare) e di Samantha Cristoforetti del 2014 (Futura).

Oltre 200 esperimenti a bordo
Nespoli a bordo della stazione spaziale ha portato a termine tutti gli 11 esperimenti che gli sono stati assegnati oltre a seguirne altri 200 circa che erano in corso al momento del suo arrivo. Nei 4 mesi e mezzo Paolo Nespoli, ha avuto oltre 60 collegamenti raggiungendo istituzioni e grande pubblico, in particolare studenti.

Ieri sera l’ultimo saluto dallo spazio
Ieri sera l’ultimo saluto all’Italia dallo spazio, poi questa mattina alle 9,32 - ora italiana - l’atterraggio in Kazakistan. @Astro_Paolo, l’astronauta italiano di 60 anni, il 28 luglio era tornato nello spazio per la terza volta partendo da Baikonur a bordo della Sojuz MS-05 per la Missione Vita. Il rientro è stato trasmesso in diretta dall’Agenzia spaziale italiana e dal sito del Sole 24 Ore a partire dalle 9,15.

La partenza alle ore 6,00 dalla Iss
Ieri sera prima un video dalla grande finestra della Iss per salutare l’Italia, poi la cena e i saluti insieme ai compagni di equipaggio, un po' di riposo e poi per Paolo Nespoli il ritorno a casa. Fra le 2,30 e le 3,00 del mattino del 14 dicembre l'astronauta dell'Agenzia spaziale europea (Esa) è entrato nella navetta con i compagni di equipaggio con i quali aveva fatto il volo di andata, l'americano Randy Bresnik e il russo Sergei Ryazansky.

Poi poco dopo le sei del mattino ora italiana la navetta si è sganciata dalla Stazione spaziale e ha iniziato il viaggio di ritorno di circa tre ore e mezza. Una navetta che Nespoli ha chiamato 'Scotty' in un tweet, facendo riferimento a uno dei personaggi della saga di Star Trek. La navetta sfreccerà alla velocità di 28mila chilometri l’ora, per poi frenare bruscamente per attutire l’impatto con il suolo che comunque non è mai soffice. Nespoli ne ha parlato come di uno scontro frontale fra una 500 e un Tir. L’accensione dei motori e l’apertura dei paracadute hanno frenato la navetta, ma non riusciranno ad attutire più di tanto l'impatto con il suolo nella steppa del Kazakhstan, previsto alle 9,38.

Intorno alle 18 ha sorvolato l’Italia
Sei mesi in orbita e ieri sera @Astro_Paolo ha sorvolato la penisola italiana che ha immortalato in un video inviato sulla terra con un tweet: ad Aosta la Stazione spaziale internazionale è passata alle ore 18,01, per poi raggiungere Milano, città natale di Nespoli, alle 18,07. Poi Roma, Napoli e Cagliari alle 18,08 e Palermo alle 18,09.

Alla ministra Fedeli: «Mettimi in lista per Marte»
Tre giorni fa, nel corso di un collegamento organizzato all’Agenzia spaziale italiana, Nespoli ha chiesto alla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli di essere messo in lista per Marte. «Fatta la pausa di riposo al ritorno da questa missione, su Marte ci vuoi andare?», ha chiesto la ministra Fedeli all’astronauta. Nessuna esitazione da parte di @Astro_Paolo: «andare su Marte è il sogno di molti astronauti, è come chiedere a un bambino se vuole un gelato. Certo, mettimi nella lista».

Oltre 5 mila download per la app Spac3
E nel corso del viaggio nello spazio sono state oltre 5 mila le persone nel mondo che hanno deciso di partecipare a Spac3, l'opera di “social artwork” legata alla missione nello spazio dell’astronauta. I navigatori hanno potuto scattare delle foto su tematiche collegate agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 dell'Onu, componendole con le immagini scattate dallo spazio da @Astro_Paolo e utilizzando come layout il “Terzo Paradiso”, l'opera-simbolo dell'artista Michelangelo Pistoletto che costituisce anche il logo della missione spaziale Vita. Le immagini sono state poi condivise sui principali social network con l'hashtag #Spac3, unite a un messaggio di sostenibilità. L'Italia è al primo posto per numero di download, seguita da India, Cina e Spagna. La app è stata sviluppata dalle agenzie Asi ed Esa in collaborazione con la piattaforma di arte contemporanea Ram e Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, con l'obiettivo di ispirare le persone a creare un cambiamento responsabile e sostenibile nella società.

Pistoletto: un’opera d’arte congiunge Terra e spazio
«Spac3 - ha commentato Pistoletto - è nato per unire l'umanità in un grande progetto di equilibrio e armonia, una grande opera d'arte che ricongiunge la Terra allo spazio, la scienza e la tecnologia lassù alla natura e all'umanità quaggiù. Il mio auspicio è che il Terzo Paradiso, che è un simbolo di pace, possa aiutare a sviluppare una coscienza collettiva nel Pianeta, perché siamo tutti responsabili nel creare un nuovo equilibrio nella società».

© Riproduzione riservata