Italia

Nella legislatura chiesti 108 voti di fiducia

utilizzata da Gentiloni 2,58 volte al mese

Nella legislatura chiesti 108 voti di fiducia

Governo Paolo Gentiloni 32, governo Matteo Renzi 66, governo Enrico Letta 10. Sono questi i numeri delle fiducie chieste e ottenute dai tre governi della XVII legislatura. In totale nella legislatura sono state votate e approvate 108 questioni di fiducia. Dunque più del 30% delle 354 leggi pubblicate in gazzetta hanno avuto bisogno di almeno un voto di fiducia.

Fiducia utilizzata da Gentiloni 2,58 volte al mese
Secondo i dati di OpenPolis la fiducia è stata utilizzata dal governo Gentiloni 2,58 volte al mese. Gentiloni ha chiesto la fiducia 13 volte alla Camera e 19 al Senato. Il 15,49% delle leggi del suo governo è stato approvato con due o più voti di fiducia.

L’ultima fiducia al Senato sulla legge di bilancio
L’ultima fiducia al Governo Gentiloni è arrivata al Senato, sulla legge di bilancio, con 140 sì e 97 no. Il Governo aveva posto la questione di fiducia sull’approvazione dell’articolo 1 del testo trasmesso dalla Camera. Che già aveva votato la fiducia sul provvedimento.

I precedenti
Ecco i voti di fiducia della precedente legislatura: per il governo Monti erano stati 51, mentre quelli del governo Berlusconi di erano fermati a 45.

I voti chiave
Se l’ultima in ordine di tempo è la manovra, ci sono stati molti voti chiave nel corso della legislatura. Dal Rosatellum al testamento biologico, dal decreto fiscale alle leggi europee per il 2016 e il 2017. Ci sono stati anche il decreto Mezzogiorno, l’introduzione del reato di depistaggio, le unioni civili.

© Riproduzione riservata