Italia

Scuola, alternanza nella filiera del libro per gli studenti di 17 regioni

accordo tra miur e imprese

Scuola, alternanza nella filiera del libro per gli studenti di 17 regioni

(Fotogramma)
(Fotogramma)

Fare un'esperienza formativa in 200 realtà della filiera del libro, dalle case editrici, alle librerie, alle biblioteche. È una delle possibilità offerte dal progetto di alternanza scuola-lavoro Libri Fuori-Classe, nato dall'accordo firmato oggi dalla ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli, e dai presidenti delle tre associazioni promotrici, Riccardo Franco Levi (Aie, associazione italiana editori), Paolo Ambrosini (Ali Confcommercio, associazione librai italiani ) e Rosa Maiello (Aib, associazione italiana biblioteche). Grazie all'iniziativa le scuole superiori potranno prendere contatto con le imprese aderenti - oltre 200 in 17 regioni - per avviare un percorso di alternanza per gli studenti.

Studenti dietro le quinte del mondo dell'editoria
Grazie all'iniziativa una parte delle 400 ore di alternanza obbligatorie previste dalla legge sulla Buona Scuola potranno essere svolte nel mondo dell'editoria attraverso percorsi didattici sul mestiere dell'editore, l'editing di un libro, la proprietà intellettuale. All'avvio del prossimo anno scolastico, poi, sarà anche messo a punto anche un progetto di "impresa simulata" e ogni istituto potrà avviare la costituzione e la gestione di una biblioteca aperta al territorio. Tutte le informazioni per le scuole, il materiale didattico e l'elenco dei soggetti aderenti sono pubblicate sulla piattaforma www.librifuoriclasse.com.

Fedeli: grande attenzione alla lettura
«Spingiamo molto sulla lettura e questo protocollo può essere elemento qualificante nell'acquisizione di nuove competenze», ha sottolineato la ministra Fedeli, spiegando che gli studenti potranno «conoscere l'intera filiera del libro, comprenderne i meccanismi, entrare in contatto con tutte le professionalità legate al mondo del libro. Si tratta di uno straordinario momento formativo e di apprendimento attivo». E rivolta alle imprese aderenti ha osservato: «Il paese vi deve ringraziare perché vi siete assunti una responsabilità sociale. Chi si offre per l'alternanza fa la scelta di contribuire al sistema formativo dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze».

Le imprese: occasione per avvicinare ragazzi a mondo del libro
«Libri Fuori-Classe è un'occasione unica per avvicinare ragazze e ragazzi al mondo del libro, promuovendo un'esperienza di 'immersione' ovunque ci sia una casa editrice, una libreria, una biblioteca disponibili ad attivare un rapporto con le scuole», ha commentato il presidente Aie Ricardo Franco Levi. Il presidente Ali Confcommercio Ambrosini ha espresso «soddisfazione» per «aver portato il contributo al progetto che permette alle scuole, agli insegnanti, agli studenti con le loro famiglie di avvicinarsi al mondo delle librerie» e di « acquisire la necessaria preparazione per rendere l'esperienza dell'alternanza un reale momento di formazione e di crescita personale». E per la presidente Aib Maiello il progetto «è un'azione di sistema a cui puntiamo con convinzione», perchè «lacollaborazione tra il sistema scolastico e gli attori pubblici e privati del mondo del libro offrirà nuove opportunità di apprendimento e partecipazione attiva agli studenti e contribuirà a dare impulso all'attivazione di nuovi servizi bibliotecari di qualità».

(Al. Tr.)

© Riproduzione riservata