Italia

Più migranti giunti in Sardegna dall’Algeria nel 2017

LA FOTOGRAFIA DELL’UNHCR

Più migranti giunti in Sardegna dall’Algeria nel 2017

Sono numeri bassi se confrontati con il totale dei migranti che hanno raggiunto l’Italia nel 2017 - 118mila circa, meno 34% rispetto al 2016 - ma i dati forniti dall’Unhcr, l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, sulle persone che dall’Algeria hanno raggiunto via mare la Sardegna mettono in evidenza una crescita rispetto al 2016: 884 persone in più. Ieri il ministro dell’Interno Marco Minniti ha incontrato a Nuoro il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru. È stato deciso di mandare avanti il progetto per la realizzazione del Centro di permanenza per il rimpatrio (Cpr) di Macomer, nel centro dell’isola.

Nel 2017 giunte 1.486 persone: erano 602 nel 2016
L’anno scorso, rileva l’Unhcr, sono giunte in Sardegna 1.486 persone (si tratta degli arrivi registrati; quelli stimati sono 1.533). Erano 602 nel 2016. Nove le aree di approdo: Assemini, Cagliari, Carbonia Iglesias, Isola di Toro, Porto Pino, Sant’Antioco, Su Giudeu, Sulcis e Teulada. Ottocento persone circa sono giunte a Cagliari, 175 nel Sulcis e 145 a Teulada. Nel 2016 tra i punti di approdo c’erano anche Domus de Maria e Sant’Anna Arresi.

Pigliaru: sbarchi in calo
Il governatore della Sardegna segnala una riduzione degli arrivi dall’Algeria. «L’anno scorso - ha ricordato Pigliaru - siamo andati dal ministro Minniti a portare le nostre rimostranze. Chiedevamo azioni rispetto al problema degli sbarchi dei migranti provenienti dall’Algeria e il ministro ha messo in campo le azioni che ci aspettavamo. Le risposte sono state le quote e regole chiare. L’anno scorso con gli sbarchi eravamo al 3,4% rispetto alla popolazione, ora siamo scesi al 2,9%. Tutto questo - ha concluso il governatore sardo - è stato possibile grazie una buona collaborazione istituzionale».

© Riproduzione riservata