Italia

Rottamazione, città al bivio se aderire o meno: al Nord prevale…

cartelle tributi locali

Rottamazione, città al bivio se aderire o meno: al Nord prevale chi non partecipa

(Imagoeconomica)
(Imagoeconomica)

Ultima chiamata per i Comuni che entro oggi devono decidere se aderire o no anche per i tributi locali alla rottamazione-bis delle cartelle non pagate(il termine scadeva sabato3 febbraio e quindi è slittato a lunedì). In realtà per molti enti la scelta è già fatta a monte: chi si affida all’agenzia delle Entrate-Riscossione (Ader, nata dalle ceneri di Equitalia) è già compreso nel perimetro della rottamazione in modo automatico, anche per i propri tributi non versati.

E in questa situazione si trovano molti Comuni, tra cui Roma, Napoli, Genova, Palermo, Venezia e Perugia. Con qualche eccezione. Bari, ad esempio, si è affidata in parte a Entrate-Riscossione, e in parte ad altri concessionari per Tosap e Tari giornaliera (per le quali, però, non intende rottamare). Gli altri,invece, devono votare entro oggi l’eventuale estensione ai propri tributi (Imu, Tasi ma anche contravvenzioni stradali e Tari tra i principali). E qui l’Italia si spacca: secondo un campione di capoluoghi che hanno accettato di rispondere alle domande del Sole 24 Ore il fronte del «no» è localizzato soprattutto al centro Nord (con le importanti eccezioni di Biella e Cremona), mentre una chance in più per i contribuenti morosi arriva spesso nel Mezzogiorno.

Adesione convinta di Taranto (dal 2018 passata ad Ader), ma dall’operazione il Comune non si aspetta granché: per le contravvenzioni stradali ad esempio, a fronte di un’evasione di 23 milioni stima di recuperare solo 50 mila euro. Anche Reggio Calabria ha detto sì all’operazione varando proprie regole. Dal 2016 ha abbandonato Equitalia e riscosso in proprio le somme evase attraverso ingiunzioni fiscali. A fronte di 6 milioni non versati il gettito atteso è di un milione.

LE DECISIONI DEGLI ENTI LOCALI
La gestione della rottamazione nei principali Capoluoghi (Fonte: elaborazione il Sole 24 Ore del Lunedì su dati forniti dai Comuni)

Va peggio a Cremona che, su 11,2 milioni di tributi e multe non pagate, si aspetta di recuperare solo 250mila euro. A Benevento l’attuale carico affidato al concessionario è di quasi 10 milioni ma il Comune stima un gettito di 400mila euro basandosi sui risultati precedenti: alla prima rottamazione ha aderito il 10% dei contribuenti pari al 4% delle ingiunzioni fiscali.

Del resto, l’insuccesso della rottamazione 2016 ha fatto cambiare idea ad esempio a Matera che ha aderito alla prima, ma non alla seconda. «Abbiamo avuto meno di 20 domande su 400-500 notifiche», spiega l’assessore al Bilancio, Eustachio Quintano. Inversione di rotta anche a Foggia.

Restano coerenti sul fronte del «no» molte città che non avevano varato neppure la prima definizione agevolata. È il caso, tra le altre, di Torino, di buona parte dei capoluoghi emiliano-romagnoli (Bologna in testa) e di Verona.

Reggio Emilia, ad esempio, giustifica il suo no con una doppia motivazione: da un lato, non prevede un «impatto particolarmente significativo» e, dall’altro, intende evitare una «disparità di trattamento in danno di chi ha sempre pagato».

Infine, c’è chi aderisce ma punta anche sull’azione di controllo. Biella rinnova il suo sì (deve incassare ancora 10 milioni tra rifiuti e multe stradali) e al tempo stesso intensifica gli accertamenti: + 2.700% in tre anni con un incasso di cinque milioni.

© Riproduzione riservata