Italia

Migranti «bomba sociale»? Renzi e Di Maio a Berlusconi, lui …

dopo le parole del cavaliere

Migranti «bomba sociale»? Renzi e Di Maio a Berlusconi, lui è responsabile

(Ansa)
(Ansa)

Berlusconi dice che i migranti in Italia sono una bomba sociale? «Coi trattati di Dublino ogni Paese gestisce l'immigrazione da solo, ma quegli accordi che ora Berlusconi contesta li ha firmati lui nel 2003. E se in Italia arrivano i migranti è perché qualcuno ha fatto la guerra in Libia e il presidente del Consiglio era Berlusconi». A parlare qui è Matteo Renzi. «Un messaggio per lo smemorato Berlusconi in diretta da Orgosolo. Dimentica che il principale responsabile della bomba sociale dell'immigrazione è lui». Qui invece è Luigi Di Maio, dalla due giorni elettorale in terra sarda. Insolita consonanza tra i due leader in competizione per le prossime politiche, accomunati (per una volta) dalla comune reazione alle parole del Cavaliere di ieri in materia di immigrazione.

«Una bomba sociale pronta a esplodere»
Su questo terreno Lega e Forza Italia mostrano di marciare di pari passo pur con qualche distinguo sulle modalità per raggiungere il risultato. Anche per Berlusconi si tratta di una questione «urgentissima», perché dopo gli anni di governo «della sinistra» ci sono 600mila migranti che «non hanno diritto di restare» e rappresentano «una bomba sociale pronta a esplodere». Per fermare le partenze però, secondo l'ex premier, è fondamentale che l'Italia «torni a contare in Europa mentre ora non lo è». Oggi il Cavaliere torna sul tema vantando l’efficacia delle proprie politiche nel passato. «Il centrodestra al governo ha saputo fermare l'immigrazione. Nel 2010 sono arrivati in Italia solo 4.400 clandestini, quelli di un weekend l'anno scorso». Il messaggio è lo stesso. «In Italia oggi ogni minuto avviene un reato di strada, ogni due un furto in appartamento e ogni tre il furto di un'auto o di una moto. Tutto ciò perché la sinistra non ha saputo fermare l'immigrazione».

Di Maio: sui migranti Berlusconi traditore
Il leader pentastellato appena giunto a Sassari si è scagliato subito contro Silvio Berlusconi. «Sull'immigrazione si propone come salvatore della Patria, quando è il traditore della Patria», ha detto prima di entrare nella sala del Moderno per incontrare gli elettori. «La bomba sociale sull'immigrazione l'ha creata Berlusconi bombardando la Libia, firmando il regolamento di Berlino e facendo business sugli immigrati con la sinistra. Chiedo agli italiani un po' di memoria su quello che questo signore di 81 anni ha fatto quando era al governo».

Bergamini (Fi): ricostruzioni fantasiose
«Fantasiose ricostruzioni storiche » quelle di Di Maio e Renzi, «inaccettabili per chi si candida alla leadership del Paese», scrive in una nota la responsabile Comunicazione di Forza Italia Deborah Bergamini. « Nel 2011 la sinistra attaccava Silvio Berlusconi perché era contrario all'intervento militare in Libia e oggi lo attaccano per una guerra che hanno voluto loro. Allora fu il presidente francese Sarkozy a dare il via ai bombardamenti contro le truppe di Gheddafi nella speranza di stringere successivamente accordi commerciali, favorevoli alla Francia, con coloro che avrebbero preso il posto del Colonnello. Riscrivere la storia in base alle proprie convenienze politiche è da irresponsabili».

© Riproduzione riservata