Italia

Dossier Renzi: «Sto con Berlusconi, senza numeri si torni al voto»

Dossier | N. 95 articoliElezioni 2018-Ultime notizie, interviste e video

Renzi: «Sto con Berlusconi, senza numeri si torni al voto»

È la campagna elettorale delle convergenze inattese. Dopo la presa di posizione in tandem di Matteo Renzi e Luigi Di Maio, leader di Pd e M5S in competizione per le prossime Politiche ma ieri d'accordo nel ricordare le responsabilità di Berlusconi per l'emergenza migranti, oggi ad essere in sintonia sono l'ex Cavaliere e Renzi. «La penso esattamente come Berlusconi, se non ci sono i numeri si torni a votare. Il Pd con gli estremisti non governerà mai», ha detto il segretario dem intervenendo stamani ad “Agorà”.

La maretta nel centrodestra e il no alle larghe intese
A dare lo spunto per l'uscita di Renzi è la maretta che agita il Centrodestra nelle ultime ore, dopo l'annuncio da parte di Fratelli d'Italia di una kermesse in programma il 18 febbraio - aperta agli alleati di schieramento – per la firma di un impegno “anti-inciucio” (leggi “no alle larghe intese”) con gli elettori con lo slogan “Noi non tradiamo gli italiani”. Una proposta che lascia freddo Salvini (la sua presenza all'appuntamento non è ancora confermata) e innervosisce il leader di Forza Italia, pronto a prendere le distanze per avversione alla parola “inciucio” pur smentendo di essere interessato ad un governo di larghe intese. Ma la possibilità che la coalizione non arrivi alla soglia del 40% apre di fatto diversi scenari, con Berlusconi che ipotizza il ritorno al voto se dalle urne non uscirà una maggioranza. Trovando, su questo, una prima “larga intesa” con il segretario Pd.

La proposta sui migranti: «Cambiamo insieme Dublino»
L’altra possibile convergenza - anche questa a sorpresa dopo gli attacchi di ieri -riguarda proprio il fronte immigrazione «un tema complicato, che non viene dai governi di sinistra», ed esploso «dopo accordo di Dublino, firmato da Berlusconi». «Cambiamolo insieme senza polemiche», ha proposto Renzi rivolgendosi direttamente a Berlusconi. «Da padre rivendico di aver salvato vite umane in Mediterraneo, abbiamo salvato l'onore dell'Europa. Ma basta strumentalizzazioni», ha aggiunto.

© Riproduzione riservata