Italia

Dossier Trattato di Dublino, ecco i punti di convergenza Pd-Fi

Dossier | N. 95 articoliElezioni 2018-Ultime notizie, interviste e video

Trattato di Dublino, ecco i punti di convergenza Pd-Fi

Il leader Pd Matteo Renzi lo ha detto chiaro e tondo: «L’immigrazione è un tema complicato, che non viene dai governi di sinistra. È esplosa dopo l’accordo di Dublino, firmato da Berlusconi. Cambiamolo insieme senza polemich». Ma quali sono i punti sui quali costruire questo accordo? Cosa è stato già fatto e cosa ancora resta da fare?

Il nodo dei ricollocamenti
Il trattato di Dublino impone l’accoglienza dei richiedenti asilo nel paese di primo arrivo. È questo il punto nevralgico che l’Italia punta a cambiare visto che le nuove rotte migratorie fanno del nostro Paese (quasi) l’unico paese di approdo dei profughi. E su questo punto Pd e Forza Italia si trovano esattamente sulla stessa lunghezza d’onda. Il centrodestra, in questa fase, si mostra restio a concedere qualunque assist al centrosinistra. Tuttavia non può non concordare sul fatto che i ricollocamenti sono necessari. «Non vogliamo creare equivoci - dice il senatore Fi Maurizio Gasparri -. Su questa materia non servono intese fra i partiti. Di questa materia si occuperà il nuovo governo che dovrà trovare un accordo con gli altri paesi europei. Detto ciò, la necessità di una redistribuzione dei richiedenti asili è sotto gli occhi di tutti».

Il salvataggio nel porto più vicino
Un altro tema che dovrebbe far parte del nuovo trattato è il principio secondo cui, nel savataggio dei migranti, i mezzi di soccorso devono potersi dirigere nel porto più vicino, cosa che chiamerebbe in causa la Spagna e Malta. «Con l’accordo Themis di qualche giorno fa - dice Gennaro Migliore (Pd) - questo principio è già stato sancito, ma scriverlo in un trattato gli darebbe ovviamente una forza diversa, anche su questo c’è contiguità con Forza Italia».

I passi già fatti dal Parlamento europeo
L’accordo Pd-Fi di fatto si è già concretizzato al Parlamento europeo in occasione di alcune votazioni di mozioni e di altri atti d’indirizzo che spingevano nella direzione della riforma del Trattato di Dublino. «In quelle occasioni - fa notare Emanuele Fiano (Pd) - Forza Italia e Pd si sono espressi nello stesso modo, mentre la Lega si è astenuta e i Cinque Stelle hanno votato contro». Insomma, ci sono i presupposti per poter concretizzare un accordo che potrebbe dare maggiore forza al prossimo governo nella trattativa con l’Europa sullo spinoso fronte migratorio.

© Riproduzione riservata