Italia

Berlusconi a 24 Mattino: un condono edilizio per l'abusivismo di…

su radio 24

Berlusconi a 24 Mattino: un condono edilizio per l'abusivismo di necessità per finanziare la Flat tax

«C'è anche la possibilità di una sanatoria edilizia, per i casi di quello che si chiama abusivismo di necessità» ma solo se «si restringe con il massimo rigore il concetto di necesità». Così Silvio Berlusconi apre all’ipotesi di un condono edilizio, indicandolo tra le coperture possibili della Flat tax. Lo ha detto a Radio24, intervistato da Luca Telese e Oscar Giannino, conduttori di 24 Mattino. A chi gli chiede se si tratti di un condono, l'ex premier ha risposto: «Chiamatelo come volete, l’importante è che si cambino queste regole attuali». E ha aggiunto:
«Bisogna cambiare le regole: chi deve costruire una casa o aprire un’attività commerciale, non dovrà più aspettare anni per permessi e licenze. Dovrà dichiarare l’inizio dell’attività e assumersi la responsabilità di rispettare le leggi. Solo dopo verranno i controlli». Lo afferma il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, a Radio 24.

Berlusconi: Pd al 21%, M5s al 27, c.destra al 39/40%
Quanto al risultato delle urne, l’ex premier ha snocciolato i suoi sondaggi. E ha detto che «il Pd sta al 21%, M5s al 27, il centrodestra attorno al 39,40%: solo noi possiamo assicurare una maggioranza di governo». Numeri utilizzati per assicurare il suo «no a nessun altro governo che non esca dalle urne».

«Norma “anti-inciucio” dannosa, confonde elettori»
Di qui la ribadita contrarietà al patto “anti-inciucio” sponsorizzato da Giorgia Meloni (Fdi), che aveva lanciato per il 18 febbraio una manifestazione in cui tutti i candidati del centrodestra siglassero un impegno a escludere pubblicamente alleanze diverse dopo il voto. Berlusconi, pur smentendo di essere interessato ad un governo di larghe intese, ha spiegato non solo di non gradire la parola “inciucio”, ma di non essere disponibile a prendere parte alla kermesse. «Fare manifestazioni di questo genere sarebbe molto dannoso, darebbe l'impressione ai nostri elettori che ci sia la possibilità di accordi con la sinistra, che non c'è. Che senso ha fare una manifestazione su una cosa chiarissima?» ha detto l’ex Cavaliere.

«Sui migranti noi e Lega sulla stessa linea»
Ramoscello d’ulivo offerto poi a Salvini, dopo le polemiche degli scorsi giorni, sul tema immigrati. «Sui migranti siamo sulla stessa linea della Lega anche se loro usano parole più dure» ha detto il leader di Fi Silvio Berlusconi a Radio 24. «Noi e la Lega siamo consapevoli che questo problema non si può risolvere con il buonismo e la retorica dell'accoglienza». Poi ha aggiunto: «Ho parlato di 600mila migranti illegali da rimpatriare. Ma prima di parlare di cifre, dobbiamo parlare di un principio: chi non è in regola non può restare in Italia. Uno Stato degno di questo nome fa rispettare le sue leggi, e la sinistra non l'ha fatto». E ha precisato, rispondendo indirettamente a chi lo ha accusato di proposte irrealistiche: «Ovviamente dovremo fare questi rimpatri in modo graduale, non si possono rimpatriare 600mila persone tutte assieme, ma farlo costringendo, tra virgolette, L'Europa a stringere più patti con i Paesi d'origine». Quanto ai costi, per l’ex Cavaliere «sono risibili rispetto a quello che stiamo vivendo. Sull'immigrazione serve una linea chiara e coerente. I governi di sinistra, invece, dei quali Minniti fa parte, hanno lasciato incancrenire i problemi che oggi esplodono». Poi la conclusione: «Non temo il fatto che i sondaggi aiutino la Lega dopo Macerata. Non ho scelto la linea dura per questa ragione. Credo invece che il buonismo e la retorica dell'accoglienza della sinistra non sia la soluzione».

© Riproduzione riservata