Italia

Mattarella: gravissimi rischi da nazionalismo estremo e odio etnico

il messaggio per il giorno del ricordo delle foibe

Mattarella: gravissimi rischi da nazionalismo estremo e odio etnico

«Le stragi, le violenze, le sofferenze patite dagli esuli giuliani, istriani, fiumani e dalmati non possono essere dimenticate, sminuite o rimosse. Esse fanno
parte, a pieno titolo, della storia nazionale e ne rappresentano un capitolo incancellabile, che ci ammonisce sui gravissimi rischi del nazionalismo estremo, dell'odio etnico, della violenza ideologica eretta a sistema». Lo ha scritto in un messaggio il Capo dello Stato Sergio Mattarella in occasione del Giorno
del Ricordo, che si celebra sabato 10 febbraio. «L’Unione Europea - si legge ancora nel messaggio di Mattarella - è nata per contrapporre ai totalitarismi e ai nazionalismi del Novecento una prospettiva di pace, di crescita comune, nella democrazia e nella libertà. Oggi, grazie anche all'Unione Europea, in quelle zone
martoriate, si sviluppano dialogo, collaborazione, amicizia tra popoli e stati».

Foibe, a Torino: nessun divieto a cortei
Per la giornata del ricordo delle Foibe hanno convocato a Torino dei cortei (in orari diversi) i movimenti di destra Forza Nuova e Casapound, nonché un comitato di autonomi e antifascisti. Ieri l’Anpi (Associazione nazionale partigiani) aveva chiesto uno stop dei cortei e il Comune di Torino si era detto in sintonia con le posizioni dell’associazione. Ma non sarebbe stato deciso dalla prefettura nessun divieto per le manifestazioni in programma.

Casapound: cortei giorno foibe è benzina su fuoco
Contro i cortei organizzati dalla sinistra (tra questi, quello antirazzista a Macerata) nel giorno del ricordo delle foibe si schiera Casapound. «Ho sentito dire che ci saranno cortei il 10, il giorno del ricordo delle foibe in cui da anni Casapound è in piazza. Organizzare cortei dell'estrema sinistra in quel giorno significa soffiare sul fuoco. Noi non vogliamo lo scontro, vogliamo anzi stemperare i toni e arrivare tranquilli al voto. Il ministro dell'Interno ce lo deve garantire» ha detto il segretario del movimento di destra Simone Di Stefano in conferenza stampa.

© Riproduzione riservata