Italia

Scuola: firmato il contratto, aumenti da 80 a 110 euro

per 1,2 milioni di lavoratori

Scuola: firmato il contratto, aumenti da 80 a 110 euro

(Fotolia)
(Fotolia)

È stato firmato all'Aran il primo contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca che interessa 1 milione e 200mila tra docenti, personale Ata, ricercatori, tecnologi, tecnici, amministrativi. Gli aumenti salariali sono in linea con quanto stabilito dalle confederazioni con l'accordo del 30 novembre 2016; per la scuola da un minimo di 80,40 a un massimo di 110,70 euro; pienamente salvaguardato per le fasce retributive più basse il bonus fiscale di 80 euro. L'accordo per il rinnovo, frutto di una no stop all'Aran iniziata nel pomeriggio di ieri, arriva dopo quasi dieci anni di blocco .

Su Twitter la soddisfazione di Gentiloni, Madia e Fedeli
«Soddisfatti per intesa. Valorizzare chi lavora nei settori della conoscenza è investimento sul futuro» commenta su Twitter la ministra dell'Istruzione, Valeria Fedeli. Tweet anche dalla ministra della Pa, Marianna Madia: «Firmato il nuovo #contratto della conoscenza, dalla scuola, alla ricerca, all'università, agli istituti artistici e musicali. Era giusto e doveroso #valeriafedeli, #riforma Pa #Paese che cambia». In mattinata arriva sui social anche il commento del premier Paolo Gentiloni: «Valeria Fedeli e Marianna Madia hanno firmato con i sindacati il nuovo contratto per scuola, università e ricerca. Era atteso da nove anni da oltre un milione di lavoratori. L'impegno per il mondo dell'istruzione centrale per il Governo», scrive su Twitter.

Cgil, Cisl e Uil: svolta nelle relazioni sindacali
Secondoi sindacati Cgil Cisl e Uil della scuola il contratto «segna una svolta significativa sul terreno delle relazioni sindacali, riportando alla contrattazione materie importanti come la formazione e le risorse destinate alla valorizzazione professionale. Rafforzati tutti i livelli di contrattazione, a partire dai luoghi di lavoro, valorizzando in tal modo il ruolo delle RSU nell'imminenza del loro rinnovo». La vigenza triennale del contratto 2016-18 si concluderà con l'anno in corso.

Codice disciplinare prof, parziale passo indietro
Per quanto riguarda il personale docente della scuola, i sindacati precisano che «si è ottenuto di rinviare a una specifica sequenza contrattuale la definizione del codice disciplinare con l'obiettivo di una piena garanzia di tutela della libertà di insegnamento. Riportando alla contrattazione le risorse finalizzate alla valorizzazione professionale, ripristinando la titolarità di scuola, assumendo in modo esplicito un'identità di scuola come comunità educante si rafforza un modello che ne valorizza fortemente la dimensione partecipativa e la collegialità». In arrivo novità anche per la parte normativa. Per gli spostamenti volontari si ripristinano i tre anni, come previsto dalla legge 107 sulla Buona Scuola.

(Al. Tr.)


© Riproduzione riservata