Italia

L’Italia diverterà l’hub europeo di Zte

  • Abbonati
  • Accedi
le strategie del colosso cinese

L’Italia diverterà l’hub europeo di Zte

Mr Kun
Mr Kun

«L'inaugurazione del nostro Centro di ricerca e innovazione è solo il primo passo. L'Aquila diventerà ancora più strategica per Zte in Italia». Parola di Hu Kun, Ceo di Zte Italia e presidente Western Europe della multinazionale cinese.
Hu Kun ha sottolineato che il centro aquilano è « la testimonianza della nostra volontà di rimanere in Italia a lungo termine. La nostra ambizione è di dimostrare alla comunità che cosa significa il 5G per le persone e per le industrie. Un cambiamento storico, direi epocale».

Italia paese strategico per il colosso cinese
Hu Kun ha anche ricordato che l'Italia «è un Paese strategico per Zte e per questo dovrà, giorno dopo giorno, diventare l'hub europeo. Un paese dove le soluzioni di connessione offerte sono completamente in linea con i più alti standard. Nei prossimi mesi affronteremo altre importanti sfide che daranno il via a nuove opportunità di lavoro ai talenti Italiani».

Sarà migliorata la sicurezza delle reti
Zte «lavorerà fianco a fianco con i suoi partner, incluse le università, i produttori di chipset, le istituzioni per la ricerca e per i test sui differenti casi di utilizzo del 5G. Essendo uno dei principali provider nel settore delle comunicazioni del mondo». Sarà organizzato «un laboratorio con l'equipaggiamento completo per l'end-to-end del 5G, tra cui la Ran, Core network, Backhaul e i terminali». E con i partner sarà migliorata «anche la sicurezza delle reti, a tutto vantaggio confronti del possessore finale. Siamo dunque ben disposti nei confronti di qualsiasi contributo da parte degli stakeholder Italiani su questo progetto a L'Aquila e siamo orgogliosi di avere avviato la sperimentazione voluta dal ministero dello Sviluppo economico».

Profitti annuali migliori delle attese
La stima sui conti annuali annunciata da Zte segnala un aumento del 293% dell'utile netto 2017, sostenuto dal consolidamento nelle attività al consumo e delle reti carrier. Risultati che confermano la crescita globale del colosso cinese, il cui utile netto sarebbe di 4,55 miliardi di Rmb, il 293% in più sulla base dei bilanci preliminari. I ricavi operativi sono stati di 108,82 miliardi di Rmb, che equivalgono al 7,49% in più rispetto allo scorso anno. Il flusso di cassa netto della società da attività operative per il 2017 è di circa 6,78 miliardi di Rmb, circa il 28,88% di crescita anno su anno.

© Riproduzione riservata