Lifestyle

Formula 1, Marchionne attacca Liberty: "Non capisce nulla"

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Formula 1, Marchionne attacca Liberty: "Non capisce nulla"

  • –a cura di Datasport

Il presidente della Ferrari, Sergio Marchionne, in conferenza dal Salone dell'Auto di Ginevra usa parole dure per Liberty Media e ribadisce l'intenzione della Ferrari di andare a correre altrove se le nuove regole dei padroni della Formula 1 non lo dovessero soddisfare: "Continuiamo a credere nella possibilità che ci sia un progetto condiviso che dia futuro alla Formula Uno. Noi vogliamo una scelta chiara sulla protezione del dna di questo sport, non vogliamo che sia diluito da ragioni commerciali e di spettacolo".    Marchionne ha continuato così:  "A noi interessano gli aspetti tecnici e credo che di questo Liberty non capisca un tubo: loro devono occuparsi dello spettacolo, ma spetta a noi rispondere sui regolamenti e se ci viene tolta questa possibilità non saprei cosa andarci a fare in pista; Liberty ci lasci lavorare, se non mi permette di competere andiamo da un'altra parte. Se non riusciamo a distinguere un concorrente dall'altro dal punto di vista tecnico, non mi interessa. Se la Ferrari non si distingue dalla Mercedes, non mi interessa. Costa un sacco di soldi, ce li teniamo a casa e facciamo altro. L’obiettivo è ovviamente di restare e io mi sto impegnando in tal senso, ma l’accordo deve arrivare da entrambi le parti".    Poi si passa all'attività in pista, a pochi giorni dall'inizio della nuova stagione, di cui Marchionne sembra ottimista: "Sono più rilassato. Questi ragazzi sembrano più nel controllo di quanto erano. Da quando sono arrivato nel 2014 è la stagione che mi pare più serena in termini di struttura. Poi come andrà la gara non lo so, ma anche la strada in pista è stata migliorata e ormai abbiamo fatto tutti i cambiamenti, gli obiettivi sono condivisi: è un team che si è assestato, sono tranquilli". La probabilità di vittoria finale? "Il 51%", ha risposto il numero 1 di Maranello.