Lifestyle

Europa Legue: il Milan cade 2-0 a San Siro, l'Arsenal ipoteca i…

  • Abbonati
  • Accedi
Sport

Europa Legue: il Milan cade 2-0 a San Siro, l'Arsenal ipoteca i quarti

  • –a cura di Datasport

Il Milan perde l'andata degli ottavi di finale di Europa League rischiando fortemente di compromettere il cammino nella competizione europea: a San Siro l'Arsenal in piena crisi vince 2-0 grazie alle reti di Mkhitaryan e Ramsey nel primo tempo archiviando già il discorso qualificazione. All'Emirates tra una settimana servirà una vera impresa per i rossoneri. Brutta prestazione dei padroni di casa: dopo un inizio di 2018 da applausi, passo indietro della squadra di Gattuso nella gra forse più importante della stagione. Tutti i giocatori al di sotto degli standard dell'ultimo periodo sia sul piano tecnico che sul piano fisico, specialmente sugli esterni. Da un errore di Calabria nasce l'1-0, brutta prova di Biglia, Kessie, Suso, Calhanoglu e Bonaventura, Cutrone sbaglia un gol a inizio match ed è poco incisivo, si salvano in pochissimi. Nei Gunners, Ozil, Mkhitaryan e Ramsey dominano a centrocampo, a Welbeck manca il guizzo negli ultimi metri ma mette sempre in apprensione una difesa rossonera, che arrivava da 6 clean-sheet di fila e non subiva 2 reti dalla sconfitta di fine dicembre sempre in casa con l'Atalanta. La squadra di Gattuso è irriconoscibile: forse le troppe attese schiacciano la sua squadra che appare però anche imballata sul piano fisico rispetto alla corsa e freschezza degli inglesi che hanno un altra marcia. Male anche la fase difensiva, punto di forza dell'ultimo periodo. Wenger in una situazione disastrosa di risultati, veniva da 4 sconfitte di fila, e di assenze (out Bellerin, Lacazette e Aubameyang) riesce a comunque a costruire una prova ordinata dietro e con molta qualità davanti. Buona la direzione di Turpin, nel weekend, prima del ritorno in programma tra una settimana a Londra, l'Arsenal ospiterà il Watford in Premier League e il Milan farà visita al Genoa per continuare almeno la rincorsa Champions in campionato, per non fallire l'ennesima stagione dei rossoneri.