Italia

«Un governo stabile per rilanciare gli investimenti del Qatar in…

  • Abbonati
  • Accedi
conferenza di tre ambasciatori dello stato arabo

«Un governo stabile per rilanciare gli investimenti del Qatar in Italia»

«Ci auguriamo di vedere al più presto un governo per l'Italia. La stabilità politica è un requisito essenziale per favorire e consolidare i nostri investimenti in un Paese amico, come il vostro». Tre diplomatici del Qatar oggi a Roma hanno tenuto una conferenza alla Scuola di perfezionamento delle forze di Polizia. Sono Abdulaziz Bin Ahmed Al Malki, ambasciatore in Italia; Mutlaq bin Majed Al-Qahtani, inviato speciale per l'antiterrorismo; Faisal Bin Abdulla Al Henzab, direttore del dipartimento dei diritti umani del ministero degli Esteri dello stato arabo.

Accuse di terrorismo “false e bugiarde”
C'è un messaggio forte, ripetuto e insistente alla platea composta da alti ufficiali delle forze dell'ordine e diplomatici: «Il Qatar combatte il terrorismo, in ogni sua forma, e respinge totalmente ogni accusa di fiancheggiamento o di finanziamento ai gruppi terroristici, accusa falsa e bugiarda». Ahmed Al Malki ricorda come l'Italia sia «uno degli Stati più vicini al Qatar: abbiamo una visione strategica comune nel contrasto al terrorismo e abbiamo voluto fare questa conferenza alla Scuola di perfezionamento delle forze di Polizia a Roma proprio per rinnovare il profondo spirito di cooperazione tra i due Paesi».

Investimenti da consolidare
E durante la conferenza ha sottolineato come «l'interscambio commerciale tra Italia e Qatar ammonti a 4 miliardi di euro l'anno» soprattutto in settori come la sanità e l'immobiliare, senza dimenticare la commessa in corso di perfezionamento di una serie di elicotteri prodotti da dal consorzio NHIndustries, a cui partecipano Leonardo (con l'ormai ex AgustaWestland), il gruppo franco-tedesco Airbus (ex Eurocopter) e l'olandese Fokker.

Impegno contro ogni forma di fondamentalismo
Ma il tema dell'impegno per la lotta contro ogni forma di fondamentalismo ha attraversato tutta la conferenza. «L'Islam è un'unica religione che unisce tutti i musulmani e predica la pace, noi viviamo in una società unita». Dalla platea è stato chiesto all'ambasciatore quale rapporto ci sia con i Fratelli Musulmani, l'organizzazione islamista accusata da alcuni stati – come l'Egitto e la Russia – di essere terroristi. «Noi dialoghiamo con i governi alla luce del sole, in piena trasparenza», ha risposto l'ambasciatore catarino in Italia.

Rispetto dei diritti umani
Poi l'ambasciatore Abdulla Al Henzab ha sottolineato come il Qatar si batta «per il rispetto dei diritti umani, la scolarizzazione della popolazione infantile, le esigenze dello stato di diritto, il contrasto a ogni forma di discriminazione per motivi di razza o di religione». E ha rilevato come «spesso nel mondo si faccia la guerra al terrorismo dimenticando o non concentrandosi su quali sono le cause che lo generano». Ma nel conflitto in atto tra gli Stati del Medio Oriente, soprattutto tra i Paesi del Golfo, «restiamo ottimisti sul ruolo che può essere svolto dal Kuwait».

Meridiana diventa Air Italy: punta a essere il vettore nazionale

© Riproduzione riservata