Motori24

Dossier La rinascita hi-tech dei «favolosi quattro»

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 63 articoliSpeciale Salone di Ginevra 2018, tutte le novità in vetrina

La rinascita hi-tech dei «favolosi quattro»

Dei «favolosi quattro», tutti tranne Bertone si sono presentati a Salone di Ginevra. Una presenza consolidata quella di Italdesign (gruppo Vw) e Pininfarina – a guida indiana –, una novità invece se si guarda a Idea, società fondata alla fine degli anni Settanta da Renzo Piano e Franco Mantegazza. A portare a Ginevra questi ultimi è stata l’allenza con i cinesi di Lvchi che alla società italiana hanno commissionato il design e lo sviluppo industriale della Venere, la limousine full electric – 740 kW in 4 motori, fino a 250 Km/h, da 0 a 100 in 3 secondi, pacco batteria al litio da 100 kWh – che sarà prodotta in Italia, annunciano i vertici del Gruppo asiatico, dal 2019.

In tempi di trasformazione radicale della mobilità, il design e l’ingegneria del veicolo tornano centrali. Non è un caso, dunque, che la presenza delle case di stile espressione della tradizione italiana nel design auto si rafforzi. E se resta forte la «tentazione» di giocare sul campo delle auto esclusive – lo fa Pininfarina mettendo su pista la H2Speed a idrogeno e ancora di più Italdesign che l’anno scorso ha inagurato il brand Automobili Speciali e quest’anno presenta la versione «targa» della ZeroUno – altrettanto chiara è la volontà di lavorare sul futuro, anche a rischio di essere eccessivamente visionari: è la scommessa di Pop.Up Next, il progetto di Italdesign e Airbus che incarna la «terza dimensione» del trasporto, tra terra e aria. La novità sta nel fatto che Volkswagen entra direttamente in partita: il sistema modulare marciante e volante (nelle intenzioni, visto che è solo un concept) è stato presentato con il marchio Audi e ha integrato un sistema di interfaccia uomo-macchina basato su riconoscimento facciale e lettura oculare per attivare i servizi di bordo.

Anche Pininfarina guarda ai nuovi sistemi di trazione mettendo su pista la H2Speed a idrogeno – tecnologia sviluppata con GreenGT, motore elettrico alimentato con fuel cell a idrogenno, fino a 300 km/h con una potenza massima di 653 cavalli – e allarga la gamma di modelli creati per i cinesi di Hybrid Kinetic presentando la Gran Turismo. Si aggiunge al fronte delle società piemontesi attive nella progettazione e nello stile auto presenti a Ginevra Icona, nata dalla collaborazione tra Tecnocad e Cecomp, che al Salone presenta il concept di auto autonoma – livello cinque - Nucleus, senza cruscotto e senza volante.

© Riproduzione riservata