Italia

Mattarella: «Siamo tutti responsabili del futuro»

  • Abbonati
  • Accedi
i giovani alfieri della repubblica

Mattarella: «Siamo tutti responsabili del futuro»

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. (Ansa)
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. (Ansa)

Le sorti dell'Italia sono “comuni” e siamo tutti ugualmente responsabili del “futuro”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella incontrando al Quirinale i giovani “Alfieri della Repubblica”, un gruppo di giovanissimi premiati per essersi distinti in attività di solidarietà. «Ho grande fiducia nel futuro dell'Italia e voi ne siete una delle ragioni», ha sottolineato il capo dello Stato. Il presidente estendendo il ragionamento ha detto che bisogna «comprendere che occorre essere protagonisti e costruire il futuro del Paese senza chiudersi nella propria dimensione personale, magari con egoismo».

I 29 alfieri della Repubblica
Mattarella ha consegnato 29 attestati e distintivi d'onore di “Alfiere della Repubblica” a ragazze e ragazzi che si sono distinti nella partecipazione, nella promozione del bene comune, nella solidarietà, nel volontariato e per singoli atti di coraggio. Sono giovani, nati tra il 1999 e il 2007, che - sottolinea una nota del Colle - rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese. La cerimonia è stata condotta da Nicola Conversa e Anna Madaro, youtuber e attori del gruppo “Nirkiop” di Taranto.

I nuovi Alfieri della Repubblica, Mattarella: ho una grande fiducia nel futuro dell'Italia

Ampio spazio alla tutela ambientale e alla promozione dell’ambiente Mattarella ha sottolineato come molti ragazzi e ragazze abbiano «ricevuto questo attestato per l'impegno nell'ambiente, che rappresenta una delle sfide più grandi della nostra epoca». I giovani che on senso di responsabilità hanno «promosso iniziative per difendere l'ambiente, per salvare centri storici, per difendere - ha aggiunto il capo dello Stato - aree naturali, impegnati per la tutela di beni». E ha sottolineato che questa «è una grande frontiera e l'avete affrontata con senso di responsabilità e con grande efficacia». Quest'anno è stato dedicato ampio spazio a quanti si sono impegnati per la promozione dell'ambiente, inteso sia come salvaguardia del territorio sia come sviluppo del patrimonio culturale e sociale. La tutela e la valorizzazione dell'ambiente richiedono conoscenze, passione e una visione del futuro che le giovani generazioni mostrano spesso di avere.

La cerimonia di consegna degli attestati agli Alfieri del lavoro

Targhe per tre iniziative di giovani
Accanto ai 29 attestati d'onore, il presidente Mattarella ha poi voluto riconoscere il merito di tre iniziative collettive assegnando loro una targa. Queste tre targhe testimoniamo come la cooperazione, tratto comune di molte iniziative giovanili, sia un elemento che contribuisce alla validità dei progetti poiché sin da piccoli è possibile eccellere stando insieme.

© Riproduzione riservata