Italia

Un weekend con il Fai alla scoperta di mille monumenti nascosti

  • Abbonati
  • Accedi
la primavera dell’arte

Un weekend con il Fai alla scoperta di mille monumenti nascosti

Roma, Palazzo della Marina - Foto Giovanni Formosa © FAI - Fondo Ambiente Italiano
Roma, Palazzo della Marina - Foto Giovanni Formosa © FAI - Fondo Ambiente Italiano

Ritorna la primavera e ritornano le Giornate promosse dal Fai (Fondo ambiente italiano) per far scoprire al grande pubblico i tesori nascosti d’Italia. Il 24 e 25 marzo prossimi si svolgerà la 26a edizione delle “Giornate di primavera”, nel corso della quale oltre mille monumenti, molti dei quali sono per la gran parte dell’anno chiusi alle visite, apriranno le porte.

Il percorso della bellezza
Un lungo elenco di meraviglie che attraversa l’intera penisola e che mette insieme, tra gli altri, luoghi di culto (250 quelli visitabili), 79 tra palazzi e ville, 32 castelli, 2 forti, 55 tra piccoli musei, archivi e biblioteche, 41 borghi, 24 tra parchi, giardini e aree naturalistiche, 17 siti archeologici, 4 zone militari, 30 tra accademie, scuole e istituti, 13 teatri e anfiteatri, 3 ferrovie, 3 ospedali psichiatrici, 3 isole.

L’intera lista dei luoghi aperti e gli orari di visita si possono vedere sul sito www.giornatefai.it, dove è possibile apprendere anche in quali posti si svolgono le 40 biciclettate organizzate con la Fiab, la Federazione italiana amici della bicicletta.

Quarantamila Ciceroni
Le visite sono aperte a tutti, ma gli iscritti al Fai avranno un’attenzione in più: potranno contare su corsie privilegiate che renderanno meno lunga l’attesa e l’ingresso in alcuni monumenti sarà riservato unicamente a loro (ci si può iscrivere anche in loco durante le Giornate di primavera).

Invece, i 40mila Ciceroni che guideranno le persone nelle visite saranno a disposizione di tutti per illustrare la storia e le particolarità dei luoghi aperti.

Una donazione per l’Italia
“Insieme cambiamo l’Italia”: il weekend del Fai è anche un momento di raccolta fondi per aiutare le attività del Fondo. Lo si può fare con un contributo facoltativo al momento di entrare nei monumenti o attraverso un Sms solidale al numero 45592 dal 13 marzo al 1° aprile.

© Riproduzione riservata