Italia

Al via il Festival dei Giovani di Gaeta, obiettivo 16mila partecipanti

  • Abbonati
  • Accedi
evento luiss Dal 10 al 13 aprile

Al via il Festival dei Giovani di Gaeta, obiettivo 16mila partecipanti

Da sinistra, Fulvia Guazzone (Strategica community), Cosmo Mitrano (sindaco di Gaeta), Giovanni Lo Storto (direttore Luiss) e Michele Di Gennaro (Intesa Sanpaolo)
Da sinistra, Fulvia Guazzone (Strategica community), Cosmo Mitrano (sindaco di Gaeta), Giovanni Lo Storto (direttore Luiss) e Michele Di Gennaro (Intesa Sanpaolo)

Una delle più grandi kermesse dedicate ai ragazzi tra 16 e 19 anni, con oltre 200 eventi e l’obiettivo di raggiungere quest’anno i 16mila partecipanti. Da martedì 10 a venerdì 13 aprile prenderà il via a Gaeta (provincia di Latina) la terza edizione del Festival dei Giovani. L’evento è stato presentato oggi nel porto della città pontina, all’interno del veliero Signora del Vento. Giovani provenienti da tutta Italia si confronteranno sui temi di attualità: dalla legalità all’immigrazione, dall’uso dei social al lavoro del futuro, dall’economia digitale alla formazione.

Gli organizzatori: dalla Luiss a Intesa Sanpaolo
L’evento è nato tre anni fa da una idea di Fulvia Guazzone, fondatrice e amministratore di Strategica community, società di format di comunicazione verso i giovani. Gli organizzatori sono l’università Luiss - Guido Carli e il Comune di Gaeta, in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Alla sua prima edizione il festival ha registrato 10mila presenze, salite a 15mila l’anno scorso. «L’obiettivo di quest’anno – spiega Giovanni Lo Storto, direttore generale della Luiss – è quello di sfondare i 16mila partecipanti».

Il veliero “Signora del Vento” dove è stato presentato oggi il programma del Festival dei giovani di Gaeta

Il calendario: tra prospettive di lavoro e divertimento
Si parte martedì 10 aprile con la discussione sui lavoratori “digitali” e sulla nuova imprenditoria. Il giorno successivo sarà la volta dei social network, con la reputazione digitale e le fake news. Ci saranno anche attività di orientamento scolastico con Coca Cola, Umana, Invitalia e le lezioni della Luiss. Il terzo e quarto giorno, oltre ai dibattiti, ci saranno iniziative musicali e un concerto. A chiudere, un gruppo di ragazzi presenterà i propri progetti imprenditoriali.

Un palcoscenico per i ragazzi
«Per noi della Luiss – ha spiegato Lo Storto – il festival è una occasione per capire cosa vogliono i giovani. L’obiettivo è dare loro degli strumenti per affrontare un mondo del lavoro che nei prossimi dieci anni cambierà a una velocità mai vista prima». «Il nostro obiettivo è diventare la banca dei giovani – ha aggiunto Michele Di Gennaro, direttore regionale Lazio, Sardegna e Sicilia di Intesa Sanpaolo – e il festival ci dà una occasione di ascolto. Questo è anche il motivo per cui siamo impegnati nei progetti di alternanza scuola-lavoro».

Gaeta centro per i giovani
«Gaeta è un valore aggiunto per il Festival – ha affermato Fulvia Guazzone – visto che fa sentire i giovani a casa loro. E il vero obiettivo della manifestazione è proprio ascoltare i giovani». «La nostra città li attende con entusiasmo – ha aggiunto il sindaco Cosmo Mitrano – e mette a disposizione i suoi spazi e servizi». L’obiettivo della manifestazione è anche quello di contribuire a invertire i numeri dei giovani nel mercato del lavoro: In base agli ultimi dati Istat, il tasso di disoccupazione 15-34 anni nel quarto trimestre 2017 si è assestato al 21.4%. Secondo l’Human Capital Report 2017 del World Economic Forum l’Italia riesce a formare talenti ma non riesce a sfruttarne a dovere il potenziale. Il Paese utilizza solo il 67% del suo capitale umano. Il dato è sopra la media globale (62%) ma lontano da Paesi come Norvegia e Finlandia (77%), Svizzera (76%) e Stati Uniti (75%).

© Riproduzione riservata