Motori24

Dossier L’elettrificazione secondo Jaguar & Land Rover. E a Roma debutta…

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 34 articoliSpeciale Formula E: gare, macchine e tecnologia

L’elettrificazione secondo Jaguar & Land Rover. E a Roma debutta la I-Type 3

Alla vigilia della rivoluzione all'insegna della elettrificazione il Gruppo Jaguar & Land Rover ha ufficializzato che ogni nuovo modello lanciato dai due brand a partire dal 2020 avrà una versione elettrificata con il solo motore elettrico, ma non solo con quello a scoppio affiancato da un elettromotore. Come dire che le prossime novità firmate dai due marchi inglesi britannici saranno proposte anche con motorizzazione elettrica, ibrida o ibrida plug-in. L'annuncio arriva direttamente dai piani alti del Gruppo che dopo aver esplorare il ruolo positivo giocato dalla tecnologia ha deciso di rimodellare la progettazione dei modelli dei prossimi anni.

La prima di queste novità è già stata rivelata, in anticipo: si tratta della Jagiuar I-Pace il suv sportivo totalmente elettrico in vendita da quest'anno. Oltre alla I-Pace, che rappresenta il presente del marchio, Jaguar ha svelato la Future-Type, un concept virtuale oltre che visionario che con una configurazione interna a 2 posti + 1 che ha il compito di esplorare il futuro dell'auto dal 2040 in poi. Il principio base è che in un domani non troppo lontano le auto saranno quasi esclusivamente condivise e non più di proprietà, a guida autonoma e connesse fra loro oltre che con le persone, le abitazioni e il resto del mondo.

Al centro del progetto Jaguar Future-Type c'è lo speciale volante Sayer che non serve solo a guidare l'auto quando la si vuole, ma che diventa un oggetto della vita disponibile per ognuno in grado di registrare sia le preferenze che i desideri, ma anche gli impegni e viaggi del proprietario. Sayer, dal nome di Malcolm Sayer che disegnò la mitica E-Type, può essere portato a casa, con sé e ovunque si voglia avere un device mobile multifunzione che può accedere alle news, ma anche gestire la giornata del proprietario. Dal passato della Casa del Giaguaro arriva invece la Jaguar E-type Zero, versione moderna ed elettrica della famosa coupé nata nel 1961.

In questo caso la base di partenza è stata una E-Type Roadster Serie 1.5 del 1968 che ospita per la prima volta sotto il lungo cofano anteriore un motore elettrico dalla potenza degna di una supercar: 300 cv. Dove un tempo c'era un poderoso sei cilindri in linea a benzina ora c'è sia il motore elettrico che le batterie agli ioni di litio e il riduttore per trasmettere il moto alle ruote posteriori, con una massa totale inferiore di 46 kg rispetto all'originale e una distribuzione dei pesi invariata fra gli assi. Questa elettrica moderna sia pure con le sembianze di uno storico modello dle brand inglese è in grado di accelerare da 0 a 100 kmh in appena 5,5 secondi. Intanto anche Land Rover ha messo in vendita il suo primo modello ibrido destinato ad essere affiancato da altri varianti che andranno a formare una vera e propria gamma green.

Inoltre in concomitanza con il Gp di Roma del Campionato di Formula E il Team Panasonic Jaguar Racing ha presentato il layout della livrea per la Jaguar I-TYPE 3, la versione Gen 2 della sua vettura da gara che debutterà nella quinta stagione del Campionato di Formula E. Oltre a consolidare la “mission” Race to Innovate, l'annuncio segna unmomento storico nella strategia dell'elettrificazione di Jaguar Land Rover. La Gen 2 è, infatti, una vettura da corsa audace, dinamica e futuristica che rappresenta un ulteriore passo avanti anche in termini di velocità e prestazioni. La potenza massima disponibile per le qualifiche è stata aumentata a 250 kW, l'equivalente di circa 340 cv, mentre per la gara è di 200 kW. Una batteria più prestazionale consentirà, poi, ai Team inglese di portare a termine le competizioni con una sola vettura, evitando il cambio auto obbligatorio. Tutto ciò dimostra anche quanto sia rapido lo sviluppo tecnologico delle batterie dei veicoli elettrici. La Jaguar I-TYPE 3 sarà equipaggiata con un Halo a Led nell'ambito dell'incremento delle norme di sicurezza previsto dalla FIA all'inizio di quest'anno.

© Riproduzione riservata