Italia

Murales sotto al Quirinale: Berlusconi, Di Maio e Salvini nei panni dei…

  • Abbonati
  • Accedi
Murales sotto al Quirinale

Murales sotto al Quirinale: Berlusconi, Di Maio e Salvini nei panni dei “bari” del Caravaggio

É stata subito rimossa dai carabinieri l’ennesima opera di street art . É un nuovo capitolo dell’incrocio fra street art e politica che trova spazio sui muri della Capitale. Un quadro, metafora del gioco della politica, con cornice dorata (ma rigorosamente in polistirolo), dal titolo “I bari”, con Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi in abiti d'epoca, intenti a giocare a carte. Il quadro, firmato Sirante, è ispirato al celebre dipinto “I Bari” di Michelangelo Merisi, più noto come il Carvaggio.

Il murales nella strada sotto il Quirinale
La nuova opera di street art è stata trovata questa mattina sul muro di via de' Lucchesi, di fronte alla sede dell’Agenzia Ansa, nella strada appena sotto il Quirinale, dove il presidente Mattarella è impegnato nel secondo giro di consultazioni in vista della formazione del nuovo governo. Esplicativo il cartellino stile museale appeso accanto al quadro: «Sirante prende spunto da una celebre opera del suo maestro. Il quadro rappresenta una truffa. Un anziano “ingenuo” sta giocando a carte con un suo oppositore il quale in complotto con un suo avversario trucca il gioco della politica. Questa scena, così teatrale, descrittiva e realistica contiene un monito morale, una condanna del malcostume, in particolare delle strategie dei politici».

Il quadro con tanto di cornice, in stile caravaggesco col titolo 'I bari', che ritrae Luigi Di Maio, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi in abiti d'epoca, intenti a giocare a carte, e con accanto la firma 'Sirante' e tanto di cartellino in stile museale con il titolo e la descrizione, apparsa su un muro di via de' Lucchesi (Ansa, Teresa Carbone)

L’opera di Caravaggio racconta il lato oscuro della vita
L’opera originale di Caravaggio in passato stava a Palazzo Madama, oggi sede del Senato, allora dimora del Cardinal Del Monte. Poi fece parte dell’eredità dei Barberini. Fu venduta negli anni del fascismo e portata all’estero. Poi passò nelle proprietà del Kimbell Art Museum di Fort Worth, , nel Texas, che lo acquistò nel 1987 a Zurigo da un collezionista privato. Nell’opera di Caravaggio - un olio del 1595 - è in corso una truffa ai danni di uno dei protagonisti. Nel quadro infatti i due bari con gli abiti variopinti - protesi verso la vittima - sono d’accordo per battere, con l’imbroglio, il ragazzo vestito di nero che nel quadro originale si trova alla sinistra della scena. E nel murales è impersonato da Silvio Berlusconi. Nel quadro di Caravaggio l’imbroglione che spia le carte è al centro della scena: nel murales al centro c’è Salvini. Nel museo texano il quadro di Caravaggio è proposto con questa didascalia: «Il giovane Caravaggio introdusse un nuovo tipo di pittura a Roma con le sue scene dal lato oscuro della vita. Queste composizioni su larga scala e altamente naturalistiche erano tra le sue creazioni più imitate. Evocano un mondo sotterraneo di astute carte di credito, soldati di ventura, sciocchi, sensuali donne zingare, borseggiatori e teppisti».

I precedenti, dal bacio Di Maio-Salvini alla Meloni
La nuova installazione ricorda l'opera di street art con il bacio fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, firmata dall’artista di strada palermitano Tvboy, esponente del movimento NeoPop, che nel marzo scorso, nel giorno dell’apertura della XVIII legislatura, era stata rimossa in via del Collegio Capranica a due passi da Montecitorio. «É un bacio immaginario o possibile? », scrisse Tvboy. «É un bacio di benvenuto o di addio?». L’altro murales, sempre di Tvboy, rappresentava Giorgia Meloni con in braccio una bambina di colore «folgorata sulla via di Damasco». Anche questo era in centro, nei pressi del Senato. É lo stesso collettivo Tvboy a congratularsi con il collega che ha dipinto i bari in via de' Lucchesi. «La buona arte genera sempre altra arte - si legge sui social -. Bravo Sirante, ottimo lavoro. La street art non può essere fermata, rimuovi un'opera e ne appare un'altra».

Informativa in Procura
I carabinieri hanno inviato una informativa in procura sulla nuova opera di street art apparsa stamattina vicino al Quirinale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Comando piazza Venezia che hanno allertato l'Ufficio decoro del Comune per la rimozione, avvenuta poco dopo.

© Riproduzione riservata