Impresa & Territori

Dossier Il luogo del benessere con un Dna sostenibile

    Dossier | N. 16 articoliRapporto Design

    Il luogo del benessere con un Dna sostenibile

    L’attenzione all’ambiente, e all’impatto che tutti i gesti quotidiani hanno su ciò che ci circonda, è un tema sempre più importante. Anche quando si parla di arredo e design. La continua ricerca di soluzioni più efficienti e più sostenibili, infatti, sta plasmando un nuovo capitolo nella storia della produzione industriale. Una fase sempre più “cosciente” che risponde alle esigenze dei consumatori di nuova generazione.

    La sostenibilità è proprio uno dei concetti cardine dei bagni di nuova concezione. A stabilirlo è anche la ricerca “Le tendenze nell’arredobagno”, realizzata dal centro studi di FederlegnoArredo presso le aziende di Assobagno, molte delle quali saranno tra i 228 espositori della settima edizione del Salone internazionale del Bagno, alla fiera di Milano-Rho fino al 22 aprile. «Le innovazioni introdotte dalle aziende - spiega Paolo Pastorino, presidente di Assobagno e ad Deltacalor - contribuiscono a trasformare le abitudini quotidiane dei consumatori».

    Il comparto è in crescita (+1,8% nel mercato domestico)  e si sta consolidando anche sul fronte internazionale: nel 2017, infatti, l’export ha toccato 1,275 miliardi di euro (+1,1%). Le esportazioni - che vedonotra i mercati di destinazione più dinamici Hong Kong (+49%), ma anche big come Francia e Germania - assorbono il 47% del fatturato di settore, e generano un importante surplus commerciale: 875 milioni di euro. «Stiamo assistendo a un aumento della sensibilità dei mercati orientali nei confronti dell’arredobagno made in Italy: un dato positivo, confermato anche dal successo dell’edizione del Salone del Mobile di Shanghai», commenta Pastorino.

    La parola d’ordine, quando si parla di bagno, sembra essere risparmio. Il risparmio energetico che viene garantito, per esempio, dai nuovi scaldasalviette e radiatori. Nati come componenti funzionali dell’ambiente bagno - hanno uno scopo ben preciso e importante: riscaldare - stanno progressivamente perdendo ogni traccia di omologazione per trasformarsi in oggetti d’arredo dalla forte personalità. Ne sono un esempio sia T Tower di Antrax It, un radiatore dalla silhouette slanciata, firmato da Matteo Thun in collaborazione con Antonio Rodriguez, sia New Image, lo specchio riscaldante di Deltacalor con touch screen. Quest’ultimo rispetta la normativa europea Ecodesign e permette di programmare accensione e spegnimento tramite telecomando.

    Un’altra importante forma di risparmio riguarda l’acqua: le soluzioni anti-spreco, da questo punto di vista, coinvolgono rubinetterie e sanitari, progettati per limitarne al minimo il consumo, spesso grazie all’impiego di nuove tecnologie. L’indagine di FederlegnoArredo prima citata mette l’accento sull’impegno sempre maggiore delle aziende nella ricerca: ha rilevato che quasi 9 aziende su 10 continuano a incrementare gli investimenti in R&S, lavorando con gli occhi puntati al futuro. E, ça va sans dire, senza rinunciare all’estetica.

    Tra le nuove proposte di rubinetteria sostenibile e di design c’è So di Fima Carlo Frattini, disegnato da Davide Vercelli: la canna del rubinetto, che ha un diametro di 10 mm, limita la portata dell’acqua ma garantisce un’erogazione funzionale alla vita quotidiana. Il design è una componente fondamentale anche del rubinetto Luna di Graff: in ottone cromato con finitura a specchio, è caratterizzato da una particolare curvatura che permette all’acqua di scorrere delicatamente “a cascata”.

    L’armonia è un elemento chiave nei bagni di nuova generazione che non sono solo spazi necessari e funzionali, ma veri e propri ambienti di benessere. Scavolini, per esempio, al Salone 2018 porta il nuovo concept Gym Space, progettato da Mattia Pareschi, che fonde sala da bagno e palestra.

    L’elemento di continuità è rappresentato dalla spalliera svedese, utilizzata come base per fissare lavandino, specchio e altri accessori, ma anche attrezzature sportive come panche ed elastici. Il sempre più diffuso culto dello star bene non passa solo per l’esercizio fisico, ma anche per il rilassamento: Dornbracht a Rho-Fiera presenta LifeSpa, un concept basato su una serie di trattamenti idroterapici – getti, docce alternate, bagni rilassanti o idromassaggi - che trasformano il bagno in una Spa.

    © Riproduzione riservata