Economia

Dossier Smartwatch in crescita Apple duella con Fitbit

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 5 articoliRapporto orologi

    Smartwatch in crescita Apple duella con Fitbit

    Sembrava in crisi e in declino, invece il mercato degli indossabili (wearable), che raggruppa smartwatch e fitness tracker, continua a crescere. Secondo i dati della società di analisi Idc (International data corporation), nel 2017 le vendite di questi dispositivi sono aumentate a livello globale del 10,3 per cento. Per il 2018 Idc prevede un’ulteriore crescita del 15,1%, per un totale di 132,9 milioni di unità spedite nel corso dell’anno. Non siamo ai livelli del 2016, quando la crescita registrata, rispetto al 2015, fu del 27,3%, che ad oggi rimane l’anno della vera esplosione di questo tipo di wearable technology. Sempre secondo Idc, il rallentamento non è dovuto a una mancanza di interesse. La maggior parte delle aziende che sono rimaste in questo mercato hanno proposto dispositivi con funzionalità e servizi che hanno contribuito a rendere smartwatch e fitness tracker più completi e utili nella vita delle persone. Le novità però non sono molte: dopo i primi anni di vorticosi lanci, le azienda hanno scelto una via che vede un time to market più lento e digeribile da parte dei consumatori.

    Nell’ultimo trimestre del 2017, Apple ha guadagnato la leadership di mercato dopo aver trascorso diversi trimestri alle spalle di Fitbit o Xiaomi. Apple sta conquistando il mercato al momento giusto, grazie ai molti utenti che hanno deciso di passare a smartwatch che integrano la connettività cellulare.

    La spinta avuta a fine anno, con ben otto milioni di unità vendute, ha di fatto staccato Apple dalla concorrenza, facendone il leader assoluto del mercato dei dispositivi indossabili per l’anno appena passato.

    Nel 2018 sono già diverse le aziende che hanno deciso di proporre nuovi modelli per cercare di contrastare l’egemonia di Apple. La prima di queste è Fitbit, che propone il modello Versa (200 euro), un nuovo smartwatch del design moderno e che offre tutte le funzionalità di fitness e benessere che hanno reso famosi i precedenti indossabili Fitbit. Versa strizza l’occhio soprattutto a un pubblico femminile, grazie all’integrazione di una nuova funzionalità di monitoraggio della salute femminile che consente alle donne di tenere sotto controllo il proprio ciclo mestruale, stimare il periodo fertile e visualizzare i propri dati di salute generale.

    Non rientra nei primi cinque marchi più venduti del 2017, ma Samsung continua a sfornare smartwatch di sicuro interesse. L’ultimo nato è il Gear Sport (349 euro), presentato all’ultima Ifa di Berlino, la più importante fiera europea di elettronica di consumo. Il nuovo arrivato è un dispositivo pensato appositamente per gli sportivi ed ha un display Super Amoled da 1,2 pollici che lo rende più adatto per chi ha polsi sottili. Sul retro del dispositivo è presente un cardiofrequenzimetro e può essere tranquillamente utilizzato in piscina o sotto la doccia. Lo smartwatch è poi compatibile con Samsung Pay, ma solamente tramite connessione Nfc.

    Grazie soprattutto alle vendite in Cina, Huawei nel 2017 si è classificata al quinto posto tra le aziende produttrici di smartwatch. L’ultimo modello proposto è il Watch 2 (329 euro): rispetto al modello precedente permette di inserire una Sim 4G per essere sempre connessi e raggiungibili anche senza smartphone. Grazie alla tecnologia VoLTE e al doppio microfono per l’eliminazione dei rumori è possibile effettuare e ricevere chiamate in modo stabile e con voce chiara e senza interferenze. Grazie alla presenza di una connessione Gps è possibile tracciare il percorso combinando questo dato al monitoraggio costante del battito cardiaco, utile per misurare anche i consumi energetici.

    Garmin Forerunner 645 Music (500 euro) è il dispositivo wearable pensato per i runner che vogliono ascoltare le canzoni preferite mentre corrono, ma vogliono anche tenere traccia delle proprie performance. Infatti è possibile salvare i brani musicali sui 4 gb di memoria interna ed ascoltarli con l’ausilio di un cuffie bluetooth. Tramite la nuova funzione Adaptive Training Plans chi inizia a praticare il jogging potrà usufruire di tabelle di allenamento per correre prima cinque chilometri e poi, progressivamente, allungare le distanze a seconda di quanto viene utilizzato il dispositivo.

    Q Venture di Fossil (250 euro) è destinato a un pubblico femminile che è alla ricerca di uno smartwatch più alla moda senza però rinunciare alle varie funzioni fitness e smart. Ha un display Oled touchscreen tondo e si basa sull’ultima versione di Android Wear 2.0 e del relativo store di Google, da cui è possibile scaricare diverse app pensate per gli smartwatch. La personalizzazione è un elemento chiave per Fossil. Sia gli utenti iOS sia quelli Android possono personalizzare il quadrante e le informazioni visibili sull’orologio. Inoltre Q Venture dispone di cinturini intercambiabili per dare modo di personalizzare lo smartwatch secondo il proprio stile.

    © Riproduzione riservata