Motori24

Dossier Condivisione semplice con Volvo e Mercedes

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 9 articoliRapporto Flotte aziendali, i nuovi modelli e il trend del settore

    Condivisione semplice con Volvo e Mercedes

    La connettività ha aperto nuovi scenari legati alle automobili e continuerà a farlo. Se a bordo ha portato abitacoli iperconnessi, capaci di diventare un vero e proprio ufficio mobile, le applicazioni si allargano all’utilizzo condiviso della vettura fino alla possibilità di usare quest’ultima come un vero e proprio hub per la ricezione degli acquisti effettuati su Amazon. Il servizio di consegna a bordo auto è attivo anche nei Paesi nordici e in Svizzera dal 2015 ma è una delle funzioni che la piattaforma Volvo On Call mette a disposizione. A questa si aggiunge, per esempio, l’invio delle destinazioni di navigazione in agenda direttamente alla propria auto, l’individuazione delle stazioni di servizio nelle vicinanze, la localizzazione della vettura parcheggiata all’interno di vaste aree o in zone della città poco conosciute. Merito di una collaborazione tra Volvo ed Amazon che consente ai clienti statunitensi del brand svedese di poter usufruire della consegna degli acquisti in auto sfruttando il servizio Amazon Key all’interno della piattaforma Volvo On Call raggiungibile attraverso l’app pensata per migliorare la connessione tra vetture e smartphone.

    Per il momento sono solamente 37 le città in cui si può realmente utilizzare il servizio, L’aspetto più interessante è che non serve essere a bordo della vettura fisicamente, è sufficiente scegliere l’opzione In-Car dopo aver effettuato l’acquisto e aver segnalato la destinazione. Così, a consegna avvenuta, il cliente riceve un messaggio della chiusura delle portiere dell’auto ed è informato sul fatto che l’operazione sia andata a buon fine. Se il servizio Amazon Key è disponibile sulle vetture del costruttore svedese esclusivamente nei paesi nordici, Svizzera e Stati Uniti, in Italia è realtà la piattaforma Volvo On Call e tutti i servizi collegati. Proposta all’interno dell’abbonamento Care by Volvo, al debutto sulla nuova XC40 e presto esteso a tutta la gamma, permette di condividere la propria auto con amici e familiari attraverso una nuova tecnologia a chiave digitale: tramite un’applicazione dedicata si potranno abilitare le persone desiderate all’utilizzo dell’auto allargando così la cerchia degli utilizzatori. Ad esempio la vettura potrà essere condivisa da più colleghi che parcheggiano il mezzo in aeroporto e lo lasciano fermo per diversi giorni. Anche Mercedes ha sviluppato una soluzione per piccole e medie aziende dove, ad esempio, il numero dei guidatori è superiore a quello delle vetture disposizione. Con l’applicazione car sharing contenuta nel modulo “Mercedes me” la nuova Classe A del Marchio della Stella può infatti essere gestita facendo a meno della chiave di apertura e di avviamento, che viene in questo caso sostituita dallo smartphone. L’operazione è semplice e sicura al tempo stesso: se il modulo “Mercedes me” è installato a bordo della vettura, e dopo aver attivato la App Car Sharing, basta lasciare la chiave all’interno dell’auto e chiudere la Classe A utilizzando lo smartphone, attivando in questo modo il periodo in cui funziona la condivisione. L’accesso a bordo e quindi l’uso dell’auto sono così possibili a gruppi prefissati di utenti – familiari, amici, colleghi – che vengono tracciati e registrati dal sistema, fornendo così anche la base per la suddivisione dei costi di gestione e degli eventuali imprevisti come danni o contravvenzioni, andando a facilitare la gestione del parco auto.

    © Riproduzione riservata