Italia

Di Maio: dal piano Cottarelli «interessante» al governo…

  • Abbonati
  • Accedi
la retromarcia

Di Maio: dal piano Cottarelli «interessante» al governo dell’economista «assurdo»

Cottarelli ministro? «Non si recluta un ministro in diretta ma sicuramente Cottarelli ha messo nero su bianco la lista della spesa che servirà per recuperare fondi. Una parte del piano Cottarelli è molto interessante per noi e spero comunque di poter confrontarmi con il professor Cottarelli che aveva detto in questi anni ai governi dove andare a prendere i soldi ma alla fine hanno eliminato lui e non gli sprechi».

È il 23 febbraio scorso, e il leader politico M5S commentava davanti alle telecamere di SkyTG24 l’apertura di Mister spending review a un possibile ruolo di governo. In particolare, sul fronte delle coperture i pentastellati avevano calcolato di recuperare 30 miliardi in tre anni con la spending review che si sarebbe ispirata al suo piano. Oggi Cottarelli ha ricevuto dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella il mandato per formare il nuovo governo. L’uomo che nel novembre del 2013 ha ottenuto dal governo Letta l’incarico di mettere mano agli sprechi pubblici italiani ha accettato.

Di Maio: Cottarelli non ha la maggioranza, assurdo
Il no del Quirinale all’economista sardo Paolo Savona al ministero dell’Economia, arrivato nella serata di ieri al termine di una giornata frenetica, ha fatto sì che i toni cambiassero e che Di Maio prendesse le distanze dall’ex direttore degli Affari fiscali del Fondo monetario internazionale. «Cottarelli convocato subito al Quirinale, ma non ha la fiducia del parlamento e non ha la maggioranza. Questo è assurdo», ha sottolineato, pochi minuti dopo lo stop del Colle. «La realtà - ha aggiunto - è che volevano Cottarelli, uno che la maggioranza in Parlamento non ce l’ha. Mattarella manda alle camere un governo che la maggioranza non ce l’ha. Il nostro invece lo aveva. Ecco la cosa grave. Si prende una grossa responsabilità».

© Riproduzione riservata