Italia

Vacanze, il salvagente del turista che deve annullare la prenotazione

  • Abbonati
  • Accedi
IL LUNEDÌ DEL SOLE 24 ORE

Vacanze, il salvagente del turista che deve annullare la prenotazione

(Adobe Stock)
(Adobe Stock)

Annullare un viaggio prima della partenza comporta la perdita della caparra? No, se un evento traumatico ne compromette la finalità di svago. Il Sole 24 Ore propone lunedì all'interno dell'Esperto risponde vademecum per il turista che vuole prenotare (e viaggiare) in serenità, con tutte le indicazioni pratiche dai rimborsi alle assicurazioni integrative per l'assistenza sanitaria all'estero. L'approfondimento prende in considerazione le varie tipologie di situazioni: l'acquisto di un pacchetto turistico, il rimborso in caso di fallimento dell'agenzia, il “dynamic package” volo+hotel, l'eventuale recesso per l'acquisto online, l'indennizzo per l'aereo in ritardo e il valore da attribuire all'opuscolo informativo.

Aerei, arriva la grande banca dati dei passeggeri
Una grande banca dati per controllare il via-vai nei cieli d'Europa. Dopo che se ne è tanto parlato, con prese di posizione critiche da parte dei Garanti della privacy, da sabato si inizierà a costruire il mega-archivio dove registrare i dati di tutti i passeggeri che volano all'interno dell'Unione e di quelli che arrivano o partono da un aeroporto della Ue.

Un controllo capillare e dettagliato reso possibile dall'obbligo per le compagnie aeree di comunicare i codici di prenotazione (cosiddetti Pnr) di chi vola. L'obiettivo è contrastare il terrorismo e scongiurare altri gravi reati.

I primi passi del domicilio digitale dei cittadini
Le famiglie avranno una residenza virtuale dove ricevere le comunicazioni e gli atti delle pubbliche amministrazioni. Il domicilio digitale compie, infatti, il primo passo con la realizzazione, da parte di Infocamere, della piattaforma informatica del futuro indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata. Su quelle Pec, che rappresenteranno i domicili digitali, i cittadini potranno vedersi recapitare le cartelle esattoriali, i verbali delle multe o altri documenti.

Smart working, come garantire riservatezza ai dati aziendali
Conciliare il lavoro “agile”, fuori dai locali dell'azienda, con la protezione dei dati (a volte riservati) che l'azienda mette a disposizione del lavoratore.È una delle esigenze che si manifestano dopo l’entrata in vigore del Regolamento europeo 2016/679, che ha armonizzato le discipline degli Stati sulla privacy e ha introdotto nuove tutele.

© Riproduzione riservata