Italia

Trasporto aereo: 174 milioni di passeggeri. Il sorpasso delle low cost

  • Abbonati
  • Accedi
fiumicino primo scalo

Trasporto aereo: 174 milioni di passeggeri. Il sorpasso delle low cost

Continua il trend di crescita del trasporto aereo italiano, in linea con l'Europa. Negli aeroporti, afferma l'Enac in occasione della relazione annuale, sono transitati 174.628.241 passeggeri, con un aumento del 6,2% rispetto al 2016. In aumento anche il numero dei movimenti aerei commerciali (decollo o atterraggio di un aeromobile su un aeroporto) del 2,4% rispetto al 2016, per un totale di 1.364.564 movimenti. Più rilevante invece l'aumento del trasporto cargo (merce + posta) con un totale di 1.090.923 tonnellate, il 9,2% in più del 2016.

Fiumicino primo aeroporto
Per numero di passeggeri quello di Roma Fiumicino si conferma il primo aeroporto della lista con 40.841.141, ma in calo dell'1,8% rispetto al 2016. Al secondo posto Milano Malpensa con 22.037.241, in crescita del 14,1% rispetto al 2016. Terzo scalo quello di Bergamo con 12.230.942 passeggeri (+10,6% rispetto al 2016). Inoltre, dalla ripartizione della quota di mercato di traffico aereo complessivo, la somma di quello nazionale e internazionale, tra vettori tradizionali e low cost si evince una crescita costante degli ultimi che mettono a segno un +9,27% sul 2016 (+ 3,28% per i vettori tradizionali ). E per la prima volta la quota di mercato dei vettori low cost supera con il 50,9% quella dei vettori tradizionali.

Ryanair ancora primo vettore
Ryanair si conferma nel 2017 il primo vettore operante in Italia, seguita da Alitalia e EasyJet. È quanto emerge dal Rapporto e Bilancio sociale 2017 dell'Enac. La graduatoria dei primi vettori operanti in Italia vede la low cost irlandese al primo posto con oltre 36,2 milioni di passeggeri, seguita da Alitalia con 21,7 milioni e EasyJet con 16,5 milioni. L'ex compagnia di bandiera però guida la graduatoria per il traffico nazionale (solo partenze) con 12,1 milioni di passeggeri a fronte degli 11,1 milioni di Ryanair e degli appena 2,8 milioni di EasyJet. Nella graduatoria dei primi vettori in Italia per il traffico internazionale (arrivi+partenze) la compagnia italiana in amministrazione straordinaria scivola invece sull'ultimo gradino del podio: al primo posto c'è Ryanair (oltre 25 milioni di passeggeri) seguita da EasyJet (13,6 milioni) e appunto Alitalia (9,6 milioni).

Prosegue impegno per i droni, segmento strategico
Intanto non si ferma l'impegno istituzionale e regolatorio dell'Enac nel campo dei mezzi aerei a pilotaggio remoto, noti come droni anche a livello regolamentare, segmento divenuto strategico per l'intera comunità aeronautica. L'attività, spiega l'ente in occasione della relazione annuale, del 2017 in questo ambito ha riguardato la valutazione di 2.697 dichiarazioni di operatori Sapr per operazioni specializzate non critiche; l'emissione di 824 autorizzazioni per operazioni specializzate critiche (valutate 891); l' emissione di 3 permessi di volo per Sapr di massa operativa maggiore di 25 kg; consulenze e partecipazione ai lavori dei Gruppi Icao, Easa e Jarus (Joint authorities for rulemaking on unmanned system's); partecipazione a programmi di ricerca.
L'Enac è impegnato principalmente su due aspetti, ovvero la definizione di criteri per autorizzare il loro impiego anche nelle condizioni più critiche, come ad esempio la vicinanza agli aeroporti, e la definizione di criteri per operazioni in Bvlos (Beyond visual line of sight), cioè oltre la portata visiva del pilota a terra, che consente di ottenere profili di missione del drone molto più estesi (ed esempio: l'ispezione di intere linee elettriche o gasdotti).

© Riproduzione riservata