Italia

Istat: un terzo delle donne non esce di sera per paura

  • Abbonati
  • Accedi
percezione della sicurezza

Istat: un terzo delle donne non esce di sera per paura

Un italiano su tre pensa di vivere in una zona a rischio di criminalità. Per l'Istat che ha analizzato in un report la percezione della sicurezza nella popolazione il dato (che si riferisce agli anni 2015-2016) è decisamente in aumento rispetto alla rilevazione precedente (+11,9 punti percentuali). Sono però meno i cittadini preoccupati di subire uno scippo (-6,3 punti percentuali dal 2008-2009), una rapina (-7,1), il furto dell'auto (-6,7) e o una violenza sessuale (-14). Mentre resta stabile il dato sui cittadini molto o abbastanza preoccupati dai furti in casa: sono il 60,2%. Come indica la nota dell’Istituto di statistica l'indagine è una bussola per la paura della criminalità, la preoccupazione di subire i reati, l'impatto di queste paure sulla vita di tutti giorni, i sistemi di difesa messi in atto dai cittadini per proteggersi e la soddisfazione per il lavoro svolto dalle forze dell'ordine nel governare il territorio.

36,6% delle donne non esce di sera per paura
Il 27,6% dei cittadini si ritiene poco o per niente sicuro uscendo da solo di sera e per il 38,2% la paura della criminalità influenza molto o abbastanza le proprie abitudini. Ma il senso di insicurezza delle donne è decisamente maggiore di quello degli uomini: il 36,6% non esce di sera per paura (a fronte dell'8,5% degli uomini), il 35,3% quando esce da sola di sera non si sente sicura (il 19,3%
degli uomini). Gli anziani hanno un profilo di insicurezza simile.

Sicurezza, Gabrielli: non disperdere le conquiste fatte finora

Uno su due critico sul controllo del territorio
E cala la fiducia sul controllo del territorio da parte delle forze dell'ordine. Il 46,4% degli italiani, cioè quasi uno su due - secondo il report Istat - dà una valutazione negativa, un dato in peggioramento rispetto al 38,4% della precedente rilevazione. Giudizi più positivi sono espressi da coloro che vivono nei centri di piccole dimensioni. Tra i critici è opinione diffusa che le forze dell'ordine dovrebbero transitare più spesso nelle strade (55,5%), essere più numerosi (44,2%) o più presenti sul territorio (26,6%), e in particolare nelle zone a rischio (20,5%) e di notte (20,3%). Tra le Regioni nella quali paura e preoccupazione sul fronte della sicurezza sono più marcate ci sono Lazio, Lombardia, Campania e Puglia.


Persone di 14 anni e più per percezione della sicurezza quando si trovano in strada da soli di sera nella zona in cui vivono, per regione, ripartizione geografica e tipo. Anno 2015-2016, per 100 persone della stessa zona.

© Riproduzione riservata