Italia

Stadio della Roma, prove schiaccianti su Luca Lanzalone

  • Abbonati
  • Accedi
Il provvedimento

Stadio della Roma, prove schiaccianti su Luca Lanzalone

La sindaca di Roma Virginia Raggi. Sullo sfondo il superconsulente Luca Lanzalone
La sindaca di Roma Virginia Raggi. Sullo sfondo il superconsulente Luca Lanzalone

«Spregiudicatezza e pervicacia» nell’aver «asservito la propria pubblica funzione agli interessi del privato». È l’immagine che fa il gip di Luca Lanzalone, il superconsulente della sindaca di Roma Virginia Raggi nella gestione dell’affaire Nuovo Stadio. Un «pubblico ufficiale ombra», secondo il giudice, piombato al Campidoglio in quanto nella cerchia dei dirigenti “fidati” del Movimento5Stelle ma che sarebbe stato inghiottito dal presunto giro di tangenti organizzato da Luca Parnasi, l’imprenditore e amministratore dimissionario di Eurnova, la società che deve costruire l’impianto giallorosso.

«Estrema gravità dei fatti»
La decisione del gip di non revocare la misura a Lanzalone è sintomatica di un procedimento che presto potrebbe riservare interessanti sorprese. Secondo il giudice, infatti, Lanzalone - che era stato nominato anche presidente di Acea, la municipalizzata che gestisce la rete idrica di Roma - era a pieno titolo un pubblico ufficiale del Campidoglio. Lanzalone ha reso «giustificazioni inverosimili contraddette da prove schiaccianti», scrive il gip di Roma, Maria Paola Tomaselli nel provvedimento con cui ha ribadito gli arrestati domiciliari per l'ex presidente di Acea. Uomo forte legato a doppio filo con la sindaca Raggi, in quanto dirigente di riconosciuta competenza apprezzata dal Movimento5Stelle. Il ruolo di Lanzalone era così forte nell’Amministrazione capitolina che era riuscito a convincere la stessa sindaca a nominare Franco Giampaoletti, altro dirigente legato ai pentestellati, come direttore generale del Campidoglio. Non solo: Lanzalone riesce a far nominare all’Ipa (Istituto di Previdenza e Assistenza per i dipendenti di Roma Capitale) Fabio Serini. Un particolare di non poco conto, visto che Lanzalone dalla stessa Ipa riesce a ottenere delle consulenze.

I finanziamenti di Parnasi: soldi alla Lega e alla fondazione Eyu vicina al Pd
Il fronte Lanzalone rappresenta un capitolo imbarazzante per lo stesso Movimento5Stelle oltre che per la sindaca Raggi. Tuttavia il procuratore aggiunto Paolo Ielo e il sostituto Barbara Zuin stanno lavorando a un fronte dell’inchiesta che potrebbe aprire nuovi scenari. Ci sono i finanziamenti nel mirino dei due inquirenti, denaro per associazioni e fondazioni collegate alla Lega di Matteo Salvini e al Partito democratico. Si tratta di erogazioni comunque compiute nel periodo precedente alle scorse elezioni politiche, che non si esclude possano celare aspetti penalmente rilevanti.

© Riproduzione riservata