Italia

La controffensiva di Boeing ad Airbus: acquisita la brasiliana Embraer

  • Abbonati
  • Accedi
AEREI COMMERCIALI

La controffensiva di Boeing ad Airbus: acquisita la brasiliana Embraer

Boeing ha raggiunto un accordo per comprare la maggioranza dell’attività di produzione di piccoli jet commerciali di Embraer, avrà l’80% di una società in cui i brasiliani saranno al 20 per cento (Ap)
Boeing ha raggiunto un accordo per comprare la maggioranza dell’attività di produzione di piccoli jet commerciali di Embraer, avrà l’80% di una società in cui i brasiliani saranno al 20 per cento (Ap)

Boeing conquista la brasiliana Embraer. Il costruttore americano, numero uno mondiale dell’aeronautica, ha raggiunto un accordo per comprare la maggioranza dell’attività di produzione di piccoli jet commerciali di Embraer, avrà l’80% di una società in cui i brasiliani saranno al 20 per cento.

Concentrazione del mercato
L’accordo è stato annunciato oggi dalle due società, dopo alcuni mesi di trattative. È la risposta di Boeing all’offensiva del gruppo franco-tedesco Airbus, che proprio pochi giorni fa ha perfezionato l’accordo per comprare il 50,01% della società che produce i jet commerciali della canadese Bombardier, denominati “C Series”. Con questa doppia operazione il mercato dei jet da trasporto commerciale si concentra intorno ai due costruttori di grandi aerei, Boeing e Airbus. Il duopolio che si spartisce il mercato, che ha come linea di demarcazione i velivoli sopra i 100 posti o quelli sotto tale soglia. I due grandi cominciavano a subire la concorrenza dei “piccoli” nella fascia bassa del mercato, i velivoli da 100 posti e poco più. Bombardier e Embraer sono entrate in questo segmento con massicci investimenti aumentando la dimensione di velivoli più piccoli, i regional jet. Altri costruttori hanno una presenza modesta in questo mercato, tra cui la russa Sukhoi, di cui per alcuni anni è stata azionista anche Finmeccanica-Leonardo.

L’attività di Embraer valutata 4,75 miliardi di dollari
Secondo quanto annunciato da Boeing e Embraer, verrà creata una “joint venture nell’aviazione commerciale”, con le attività di produzione dei jet brasiliani e la manutenzione. L’accordo valuta queste attività 4,75 miliardi di dollari e la quota di partecipazione di Boeing pari all’80% della nuova società vale 3,8 miliardi di dollari. La dichiarazione congiunta non dà indicazioni se Boeing farà dei pagamenti in base all’accordo. ll comunicato dice che l’operazione aumenterà gli utili per azione di Boeing a partire dal 2020 e che saranno generati risparmi del valore di 150 milioni di dollari l’anno prima delle tasse a partire dal terzo anno. Il management, compreso il presidente e amministratore delegato, sarà brasiliano, ma Boeing avrà il controllo della società e della gestione.

Un accordo anche per l’industria della difesa
Il piano originario di Boeing di comprare Embraer era stato respinto dal governo brasiliano, contrario al passaggio a proprietà di un gruppo straniero delle attività nella difesa. Oltre all’accordo nei jet commerciali, Boeing e Embraer hanno detto che verrà creata una seconda joint venture per promuovere e sviluppare nuovi mercati e applicazioni per prodotti e servizi militari, specialmente l’aereo militare da trasporto multi-missione Kc-390. I jet Embraer sono anche nella flotta di Alitalia (ne ha 20), inoltre sono l’aereo adottato da Air Dolomiti, la compagnia italiana interamente controllata da Lufthansa che sta crescendo a ritmi importanti sia nella flotta sia nei passeggeri.

La mossa di Airbus su Bombardier
La prima mossa che ha dato origine a questa rivoluzione dell’industria aeronautica è stata fatta lo scorso ottobre da Airbus, con l’accordo per acquisire il controllo dei jet canadesi C Series, un programma di aerei innovativi tra i 100 e 150 posti che, a causa di ritardi e aumento dei costi, ha messo in difficoltà finanziarie Bombardier. Il primo jet C Series da 120 posti è entrato in servizio nel 2016 con Swiss. Con il perfezionamento dell’accordo, avvenuto il primo luglio, Airbus possiede il 50,01% del capitale della società C Series Aircraft limited partnership (Csalp), mentre Bombardier detiene il 34% e Investissement Québec il 16% circa.

Il commento di Giordo, ex Alenia
All’epoca l’ex amministratore delegato di Alenia, Giuseppe Giordo, che da maggio 2016 è a Praga alla guida di Aero Vodochody, fece questo commento, riportato dal Blog Poteri Deboli il 2 novembre 2017: «L’accordo tra Airbus e Bombardier sui C Series è una grossa operazione, segna una svolta nell’industria aeronautica. Ci saranno solo i grandi e i piccoli, non i medi. E dà l’idea di come qualcuno sia totalmente fermo. (...) È guerra totale Boeing Airbus. E Bombardier si trova in mezzo. Adesso come reazione Boeing potrebbe cercare di unirsi a Embraer». Ed è quello che è successo.

© Riproduzione riservata