Lifestyle

Magnifica Camila Giorgi: è nella storia italiana di Wimbledon

  • Abbonati
  • Accedi
AI QUARTI DI FINALE

Magnifica Camila Giorgi: è nella storia italiana di Wimbledon

Epa
Epa

WIMBLEDON - Camila Giorgi entra nella storia del tennis italiano conquistando i quarti di finale di Wimbledon con una squillante vittoria sulla russa Ekaterina Makarova, sconfitta in un'ora e mezza 6-3, 6-4. Sulla sua strada c’è ora Serena Williams, che si è sbarazzata con un doppio 6-2 della russa Rodina.

È solo la quinta giocatrice azzurra a raggiungere le ultime otto del torneo londinese, a quasi dieci anni da Francesca Schiavone nel 2009. In precedenza c'era riuscite solo Silvia Farina nel 2003, Laura Golarsa nell'89 e, quasi nella remota era pre-Open, Lucia Valeria nel 1933. Nel momento in cui si è chiusa l'epopea della generazione d'oro del tennis femminile italiano, con il ritiro di Flavia Pennetta e Roberta Vinci e il tramonto di Schiavone e Sara Errani, il risultato della marchigiana offre un spiraglio di luce, anche se non è la prima volta che Giorgi suscita aspettative poi non realizzate: a Wimbledon arrivò agli ottavi per la prima volta già nel 2012.

Con Makarova però ha dimostrato un'altra maturità, oltre che un livello di gioco molto più alto, basato su un servizio spesso micidiale e la capacità di far muovere la mancina russa (che la sopravanzava, fino a oggi, nel ranking, 35 contro 52 ed è due volte semifinalista in uno Slam). La prova del fuoco si è avuta al sesto gioco del primo set, quando Giorgi ha strappato il servizio all'avversaria in un game durato quasi dieci minuti, in cui l'azzurra non ha mai ceduto dal punto di vista del nervoso, come invece le è accaduto molte volte in passato. “Tranquilla” era l'urlo che si levava ripetutamente dal suo angolo. Anche se Giorgi ha perso (a zero) il proprio servizio nel game successivo, ha preso di nuovo un vantaggio all'ottavo gioco e chiuso rapidamente il set, per poi portarsi avanti definitivamente all'inizio della seconda partita. La vittoria è arrivata su uno smash al quarto match point.

A Wimbledon, il lunedì della seconda settimana è battezzato “Manic Monday”. Un'abbuffata di tennis in cui si giocano tutti gli ottavi, maschili e femminili, dopo la pausa domenicale, un unicum dello Slam londinese. E' proprio dal torneo delle “ladies” che sono venute finora le sorprese maggiori. Con l'eliminazione di Karolina Pliskova a opera dell'olandese Kiki Bertens si è completata l'ecatombe di tutte e 10 le prime teste di serie del tabellone. Ma per ora resta in competizione Serena Williams, che è al numero 25 solo a causa della lunga assenza per maternità. Se sconfiggerà come previsto Evgenia Rodina, sarà proprio lei l'avversaria di Camila Giorgi ai quarti di finale.

© Riproduzione riservata