Italia

Innovazione e sviluppo, da Invitalia 40 milioni di agevolazioni a 4 aziende

  • Abbonati
  • Accedi
da nord a sud 500 posti di lavoro

Innovazione e sviluppo, da Invitalia 40 milioni di agevolazioni a 4 aziende

Invitalia, l'Agenzia per lo sviluppo del Paese, ha deliberato quattro nuovi Contratti di sviluppo per un totale di 40,5 milioni di euro di agevolazioni, di cui 20,5 a fondo perduto. Rilevante l’impatto occupazionale previsto: 177 i nuovi posti di lavoro e 303 i confermati. Le agevolazioni - si spiega in una nota - consentiranno investimenti per il rinnovo tecnologico, l'incremento e l'efficienza energetica e per la riduzione dell'impatto ambientale su tutto il territorio nazionale.

Agevolazioni da Nord a Sud
Da Caserta ed Avellino dove sarà sviluppata componentistica in alluminio per il settore automotive, gli investimenti arriveranno anche a Rovigo, dove la Cargill svilupperà processi innovativi nel settore alimentare. E poi a Potenza, con il nuovo polo motoristico aeronautico, fino allo stabilimento dell’Agla Power a Sant'Ambrogio di Torino, dove le agevolazioni consentiranno di sviluppare la ricerca per innovare i prodotti destinati a case automobilistiche come Jaguar, Audi, Fiat, General Motors, Maserati. Diventano così 126 le aziende italiane che hanno usufruito del supporto di Invitalia con Contratti di sviluppo, per un totale di 5 miliardi di investimenti e circa 67.500 posti di lavoro creati o salvaguardati.

In Campania 17,7 milioni per il “South automotive”
Il progetto finanziato in Campania si chiama “South Automotive” e punta a soddisfare la domanda di componentistica in alluminio proveniente dal settore automotive. Domanda che, secondo Invitalia, nei prossimi 5 anni assisterà a una crescita del 4% annuo del mercato legato all’espansione dei veicoli elettrici, che richiedono più alluminio rispetto a quelli convenzionali. Proposto da due medie imprese campane, la Idromodul Srl di Caserta e la La.Me.S. Spa di Vallata (Av) - che producono componenti in ghisa e alluminio per l'industria automobilistica e annoverano tra i principali clienti Tower Automotive, Magneti Marelli e Iveco - “South Automotive” punta alla creazione di una nuovo polo produttivo a Caserta e all'ampliamento dell'attuale capacità produttiva dello stabilimento della La.Me.S. Sono previsti 76 nuovi posti di lavoro. Su un totale del progetto di investimento di 26,8 milioni di euro, Invitalia ha deliberato un finanziamento agevolato di 9,1 milioni, di cui 8,6 a fondo perduto.

Fondi Ue, il piano della ministra Lezzi: velocizzare la spesa senza perdere qualità dei progetti

A Potenza 14,7 milioni per il nuovo polo motoristico
Nascerà presto un nuovo polo motoristico aeronautico per il mercato degli aeromobili civili e degli ultra leggeri per l'area industriale. E nascerà nell'area industriale Valle di Vitalba , ad Atella (Pz ) dove la Cmd Spa (Costruzioni Motori Diesel) – azienda leader nella progettazione e produzione di motori - ha deciso di espandere la sua attività con un investimento di 36 milioni di euro nel settore aeronautico, reso possibile anche dal Contratto di Sviluppo ammesso da Invitalia, che prevede agevolazioni per 6,5 milioni per il progetto di ricerca e sviluppo, con la partecipazione dell’università degli Studi della Basilicata, e 8,2 mln per il programma industriale (di cui 5,2 a fondo perduto e 3 a mutuo agevolato). Il programma prevede anche 55 assunzioni.

A Torino 3,4 milioni per Agla, fornitore di Volkswagen, Audi, Maserati e Fiat
A Torino Invitalia ha concesso un agevolazione complessiva a fondo perduto di circa 3,4 milioni di euro, di cui 1,9 per l'investimento produttivo e 1,5 per il progetto di ricerca e sviluppo, a favore di Agla Power Trasmission Spa, che dal 1991 fabbrica componenti per motori, in particolare pulegge e volani. Media impresa di Avigliana, nel torinese, Agla adotta tecniche produttive all'avanguardia e conta tra i suoi clienti più prestigiosi Jaguar, Audi, Fiat, Maserati, General Motors. È prevista la creazione di 46 nuovi posti di lavoro.

A Rovigo 4,9 milioni per qualità degli alimenti e impatto ambientale
Tocca quasi il 40% l’agevolazione ammessa nel Contratto di sviluppo approvato da Invitalia per Cargill Srl, la multinazionale che oggi, in Italia, produce e distribuisce cereali, amidi, semi oleosi e dolcificanti; commercia cacao e cioccolato, olii tropicali e grassi. Le agevolazioni ammontano a 4, 9 milioni nella sola forma di contributo a fondo perduto corrispondenti, appunto, a poco meno del 40% del progetto di investimento complessivo. Il progetto presentato da Cargill, un programma di trasformazione prodotti agricoli e quindi ammissibile con un investimento complessivo minimo di 7,5 milioni di euro, prevede il potenziamento della produzione di amido e dei suoi derivati nello stabilimento di Castelmassa, in provincia di Rovigo, con un piano occupazionale costante dal 2018 di 303 dipendenti. Grazie anche alle nuove risorse, la multinazionale introdurrà importanti innovazioni con l’obiettivo di migliorare la qualità, ridurre i costi di trasformazione e ridimensionare l'impatto ambientale.

© Riproduzione riservata