House Ad
House Ad
 

Tecnologie Social Network

Mark Zuckerberg ammette: sulla privacy troppi errori

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 24 maggio 2010 alle ore 15:44.

Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha ammesso di aver commesso «un pacchetto di errori» nella gestione della privacy degli utenti del popolare social network. Il sito sta per mettere in linea una serie di modifiche dopo un'ondata di proteste scatenata dall'introduzione, avvenuta il mese scorso, di nuove funzionalità.

Nelle scorse settimane è cresciuta la voce di voci autorevoli della rete, blog, giornali, utenti insoddisfatti. Tutto ha avuto origine della "personalizzazione istantanea", inserita automaticamente per alcuni siti (Microsoft Docs.com, Pandora e Yelp). I dati personali impostati dall'utente nel profilo personale su Facebook vengono condivisi con questi siti partner, che offrono una navigazione personalizzata. Per eliminarla occorre andare sulle impostazioni di privacy e compiere una serie di passaggi.

Oggi Zuckerberg ha scritto una mail ad un influente blogger californiano, Robert Scoble, in cui il ventiseienne inventore di Facebook scrive: «So che abbiamo fatto un pacchetto di errori, ma la mia speranza dopo tutto questo è che il nostro servizio migliori, che la gente capisca che le nostre intenzioni erano buone e che noi reagiamo di fronte alle reazioni della gente per la quale lavoriamo».

Facebook in retromarcia sulla privacy degli utenti. Nella foto Mark Zuckerberg (Ap)

Facebook in retromarcia sulla privacy degli utenti

Facebook potrebbe rivedere le impostazioni sulla privacy. «I nostri utenti ci hanno detto che

Cinque passi per vivere tranquilli su Facebook

Cinque passi per vivere tranquilli su Facebook

Cosa condividi? Nella homepage di Facebook, in alto a destra, bisogna cliccare su "account", poi

Tags Correlati: Mark Zuckerberg | Microsoft | Robert Scoble | Sicurezza informatica |

 

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da