Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 17 giugno 2010 alle ore 18:44.

My24

La filiale diventa ecologica. Banca Monte dei Paschi ha iniziato a progettare le sue filiali puntando sulla riduzione dei consumi energetici e cercando ridurre l'impatto ambientale. Paschi Gestioni Immobiliari, la società che gestisce il patrimonio immobiliare del gruppo, ha iniziato da qualche anno un'attività di ricerca, sperimentazione e realizzazione al di là dei limiti minimi di carattere normativo. Un lavoro che ha permesso alla società di vincere il primo premio della sezione speciale Wood@Work del concorso internazionale US Award 2009 promosso dal Sole 24 Ore Business Media.

La prima filiale ecologica nasce dal piano di recupero dell'ex complesso rurale «La Vigna», a Castelnuovo Berardenga (Siena). Un fienile, realizzato all'inizio del secolo scorso e da anni in stato di abbandono, è stato recuperato con un'attenzione particolare sia all'immobile sia alle problematiche ambientali e del risparmio energetico con l'introduzione di nuovi elementi architettonici e impiantistici. Le opere di consolidamento hanno fatto in modo di conservare gli elementi storici di bioarchitettura già presenti quale, ad esempio, la calce idraulica strutturale in sostituzione del cemento.

Principio tradotto anche nella schermatura di ippocastani posizionati parallelamente al prospetto rivolto a sud, nella realizzazione di finestrature con elementi in cotto disposti a formare una schermatura frangisole e nella mancanza di alberature lungo la facciata nord adeguatamente riparata dai venti freddi da un muro di cinta opportunamente sagomato.

Massima limitazione delle dispersioni termiche e uso di tecnologie ad alto rendimento come la pompa di calore geotermica capace di garantire un risparmio energetico di circa il 30%. Stessa idea per l'illuminazione, sintesi di un perfetto equilibrio fra l'apporto di luce artificiale e naturale, introdotta negli ambienti grazie ai cosiddetti camini captatori di luce solare.

Il risparmio totale, in termini di consumi energetici rispetto a una filiale tradizionale, è di circa il 40% annuo. Tutto questo evita un'immissione in atmosfera, sempre in un anno, di circa 7mila Kg di anidride carbonica.

I maggiori costi di realizzazione, assicurano il responsabile di Paschi Gestione Immobili e il responsabile della realizzazione della prima filiale ecologica, Marco Baldi e Franco Biondi verranno ammortizzati in 4/5 anni. Un tempo che consente al Gruppo BMps di cominciare a pensare anche ad una filiale ecologica più grande di quella di Castelnuovo Berardenga, probabilmente a Milano.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi