House Ad
House Ad
 

Tecnologie Scienza

Con la seta hi-tech ho scoperto il mantello invisibile (e vi giuro non è una bufala)

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 16 agosto 2010 alle ore 08:30.
L'ultima modifica è del 16 agosto 2010 alle ore 08:30.

«Potrebbero essere seta e oro i materiali base per costruire in futuro un mantello che renderà invisibili». La notizia, manco a dirlo, ha fatto il giro del mondo. E qualcuno ha subito pensato alla solita bufala di ferragosto. Ma così non è. I risultati della singolare ricerca, pubblicata dalla rivista americana Advanced Materials sono stupefacenti, pur se di complessa lettura. Lo staff che l'ha effettuata è composto da ricercatori del Dipartimento di Ingegneria biomedica della Tufts University di Medford (Massachusetts) e dei Dipartimenti di Fisica e di Ingegneria meccanica dell'Università di Boston ed è diretto dallo scienziato italiano Fiorenzo Omenetto.

Si tratta di risultati che si riferiscono ad onde non percepibili dall'occhio umano. Per ottenere il prototipo del mantello di Harry Potter, il gruppo diretto da Omenetto ha inserito diecimila piccole spirali d'oro in un frammento di seta di un centimetro quadrato.
Quando il nuovo metamateriale è stato esposto alle onde terahertz, la luce è passata direttamente attraverso di esso e gli scenziati hanno rilevato una risonanza.

Cosa significhi tutto ciò, lo abbiamo chiesto direttamente a Omenetto, raggiunto via telefono negli Stati Uniti. «La ricerca sul cosiddetto mantello invisibile - spiega il ricercatore italiano - è limitata all'area di indagine dei materiali. Si tratta di uno step intellettuale. Sono antenne molto particolari che a certe lunghezze d'onda fanno girare le radiazioni in maniera tale per cui la luce si piega in un modo insolito. Ci vuole molta immaginazione per capire di cosa stiamo parlando. La cosa davvero interessante, però, è lo spazio per le applicazioni mediche possibili. Installata nel corpo umano, questa fibra non causa rigetto».

Questo tipo di ricerca potrebbe portare in un prossimo futuro alla creazione di una vasta gamma di materiali unici da utilizzarsi in biomedicina o nel campo della difesa. Le potenziali applicazioni dell'invisibilità basata sulla seta sono, infatti, enormi. Uno dei primi impieghi, in biomedica, potrebbe essere un sensore di glucosio in metamateriale stampato su seta, impiantabile sui diabetici. Per variare il livello di glucosio da immettere all'interno del corpo, il paziente potrà usare il suo telefono cellulare, rendendo superfluo l'uso di strumenti invasivi come i tradizionali aghi.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Fiorenzo Omenetto | Harry Potter and the Sorcerer's Stone | Stati Uniti d'America | Tecnologie | Tufts University

 

Nel campo della diagnostica medica l'invisibilità basata sulla seta consentirebbe anche a medici e radiologi di vedere attraverso i diversi organi e tessuti, ottenendo immagini perfette di quelle parti del corpo generalmente nascoste. «Più che sulla questione dell'invisibilità, mi soffermerei sulla funzione della seta, che stiamo reinventando come materiale tecnologico» sostiene Omenetto.

Il materiale del futuro, dunque, ha già migliaia di anni. Molto presto le applicazioni della seta saranno molteplici e Omenetto non ha dubbi: «La seta viene usata da millenni, ma i suoi giorni migliori devono ancora venire. Future applicazioni riguardano dispositivi medici, ma anche elettronici. La sfida, semmai, è riuscire a svelare i segreti della produzione, che ancora sono custoditi da aracnidi e bruchi».

A rendere la seta così speciale sarebbe la sua prodigiosa robustezza - superiore persino a quella del Kevlar, una fibra sintetica polimerica che a parità di peso è 5 volte più resistente dell'acciaio - unita alla proverbiale elasticità.

Tuttavia i diversi tentativi fatti fin qui per riprodurre sinteticamente questo materiale, si sono infranti contro una sorta di inviolabile mistero: «La chiave per riprodurre la seta – spiega ancora Omenetto - è capire come fanno i ragni e i bachi a mantenere la grande quantità delle proteine che servono a sintetizzarla, in soluzione nelle ghiandole senza che queste precipitino o cristallizzino».

Una volta risolto questo dilemma, dalla seta si potranno ricavare film sottili, gel, spugne e fibre con una varietà illimitata di applicazioni. Una di queste, ad esempio, è la costituzione di fibre ottiche molto più resistenti delle attuali.

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da