House Ad
House Ad
 

Tecnologie Scienza

Sono quattro scienziati italiani i responsabili dei principali progetti di ricerca del Cern di Ginevra

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 ottobre 2010 alle ore 21:01.

Il sole splende sul Cern di Ginevra, ed è un sole italiano, composto da una costellazione di quattro ricercatori dell'Istituto Italiano di Fisica Nucleare-Infn: Pierluigi Campana, Fabiola Gianotti Guido Tonelli e Paolo Giubellino.

I quattro sono i responsabili del coordinamento internazionale dei maggiori esperimenti che il Large Hadron Collider-Lhc, l'acceleratore di particelle più potente del mondo che vede collaborare migliaia di scienziati di tutti i paesi, sta conducendo: rispettivamente Campana all'LHCb; Gianotti all'ATLAS; Tonelli al CMS e Giubellino ad ALICE.

Il sole splende su Ginevra anche perché, meno di una settimana fa, il Cern ha annunciato il nuovo record mondiale di luminosità, una quantità fisica legata al numero di collisioni che avvengono per unità di tempo e di spazio. Per studiare il comportamento della materia alle alte energie si accelerano le particelle fino a velocità prossime a quelle della luce facendole collidere in modo da scoprirne le caratteristiche sulla base degli urti prodotti. Più urti avvengono in un secondo, più dati si accumulano e quindi più probabili sono le scoperte.

Ebbene, alle 3.38 di giovedì 14 ottobre è stata raggiunta una luminosità di 10 alla 32 collisioni al secondo per centimetro quadrato, pari a 100mila miliardi di miliardi di miliardi di eventi. Un record che dimostra come l'Lhc sia in grado di rispettare le sue promesse, tra le quali quella di scoprire le particelle mancanti del Modello Standard o, perché no, anche di fornire prove a sostengo della teoria delle stringhe.

Pieluigi Campana è stato designato ad assumere la guida dell'LHCb (Large Hadron Collider beauty), l'esperimento che vuole comprendere perché nell'universo vi sia più materia che antimateria. Proprio l'alta luminosità ottenuta, spiega Campana, permette di eseguire «misurazioni più accurate della violazione di CP», il fenomeno legata alla conservazione della carica e della parità che produce l'assimmetria tra materia ed antimateria.

I segreti della materia sono anche alla base dell'esperimento CMS (Compact Muon Solenoid). Tra i suoi obiettivi vi è quello di rivelare l'esistenza del bosone di Higgs, la particella ritenuta responsabile della massa.

Esperimenti che puntano dunque al cuore della materia e all'origine dell'Universo, come è il caso di ALICE (A Large Ion Collider Experiment), dove la collisione di ioni di piombo produrrà temperature dell'ordine di 2000 miliardi di gradi, generando un plasma di quark e gluoni, ossia uno stato della materia presente solamente pochi milionesimi di secondo dopo il Big Bang.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Cern | Fabiola Gianotti | Fermilab | Ginevra | Guido Tonelli | Infn | Istituto Nazionale di Fisica Nucleare | Paolo Giubellino | Pierluigi Campana | Sergio Bertolucci | Tecnologie

 

Nell'esperimento ATLAS (A Toroidal Lhc ApparatuS), invece, a collidere ad energie elevatissime sono i protoni.

Questi quattro esperimenti rappresentano la punta di diamante della ricerca europea, e hanno come coordinatori dei ricercatori targat Infn. Accanto a loro vi è poi il direttore di ricerca del Cern Sergio Bertolucci, già vice presidente dello stesso Infn. Un'ulteriore testimonianza dell'eccellenza del valore della fisica italiana che continua ad essere una delle migliori del mondo, capace di guidare la ricerca internazionale alla scoperta dei misteri della Natura.

BIOGRAFIE
ATLAS- Fabiola Gianotti
Fabiola Gianotti ha studiato Fisica all'Università a Milano dove, nel 1989, ha ottenuto il dottorato di ricerca in fisica sperimentale subnucleare diventando poi borsista dell'Istituto Italiano di Fisica Nucleare. Al Cern dal 1994, ha collaborato con gli esperimenti UA2, ALEPH e ATLAS occupandosi di costruzione di rivelatori, sviluppo di software e analisi dei dati. E' coordinatrice del gruppo di Supersimmetria di ALEPH e da marzo 2009 è la coordinatrice dell'esperimento ATLAS.

LHCB – Pierluigi Campana
Pierluigi Campana si è laureato in Fisica alla Sapienza di Roma nel 1981 e dal 1983 è ricercatore presso i Laboratori di Frascati dell'Istituto italiano di Fisica Nucleare di cui è divenuto Dirigente di Ricerche. Ha lavorato all'esperimento ALEPH del Cern dal 1986 al 1994. Dal 2002 collabora con l'esperimento LHCb per la costruzione del rivelatore a muoni. A maggio del 2011 ne assumerà il ruolo di coordinatore internazionale.

ALICE – Paolo Giubellino
Paolo Giubellino si è laureato in fisica a Torino e ha perfezionato i suoi studi in California e a Dubna in Russia. È dirigente di Ricerca presso la Sezione torinese dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e collabora con diverse università internazionali. Ha contribuito a sviluppare la fisica nucleare delle alte energie in Messico. Collabora fin dall'inizio con l'esperimento ALICE del quale oggi è il coordinatore internazionale.

CMS – Guido Tonelli
Guido Tonelli, ricercatore associato dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, insegna all'Università di Pisa dove si è laureato nel 1975. Dal 1978 si occupa di fisica delle alte energie al Cern e allo statunitense Fermilab. E' il " padre" del tracciatore al silicio che costituisce il cuore di CMS, esperimento del quale è il coordinatore internazionale. Per anni ha anche coordinato l'attività italiana dello stesso esperimento: circa 250 fisici e ingegneri di quattordici sezioni dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da