House Ad
House Ad
 

Tecnologie Strategie

Ory Okolloh ha rinunciato a una carriera alla Casa Bianca e scommesso sulla rete per raccontare le crisi dimenticate

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 16 dicembre 2010 alle ore 21:22.

Il Sole 24 Ore racconta i dieci innovatori del decennio.

Non è da tutti dire di no a una carriera vicina al presidente degli Stati Uniti. Eppure è cominciata proprio così l'avventura che ha portato Ory Okolloh a fondare due anni fa Ushahidi, piattaforma collaborativa sul web, ora usata nel mondo per monitorare sommovimenti politici, emergenze umanitarie, catastrofi naturali.

Nel 2007 Okolloh, nata a Nairobi trent'anni prima, è una promettente avvocatessa, con laurea alla Law School of Harvard. Riceve una telefonata da Washington, la cerca lo studio legale Convington&Burling, da cui proviene Eric Holder, che pochi mesi dopo diventerà ministro della Giustizia dell'amministrazione Obama. Lei ci pensa su ma non ha dubbi: mettere piede nella capitale significa dimenticare il suo Kenya e lei proprio non vuole. Tanto che di lì a poco torna nel paese sconvolto dalla violenza dopo le elezioni. E decide di seguire la sua intuizione: scommettere sulla forza del web per documentare e denunciare al resto del mondo le violenze, le censure, il dramma. Grazie alla sua notorietà di blogger sulla rete (qualche anno prima aveva fondato Mzalendo, sito che mette alla berlina i misfatti del parlamento kenyota) chiama a raccolta i migliori programmatori del paese.

In tre giorni è pronto Ushahidi (che in lingua swahili significa "testimone"), un progetto che si basa sulle logiche collaborative tipiche del web 2.0: chiunque può partecipare alla mappatura della realtà mandando notizie, foto, video con un sms dal telefonino o con una mail dal computer. Informazioni preziose dove i media tradizionali sono fuori gioco o arrivano in ritardo. Informazioni che danno voce a chi altrimenti non potrebbe averla, a chi è – suo malgrado – sulla scena dei fatti.

L'attivista scommette sull'open source. Così il software libero viene adottato dalla guerra civile in Congo al terremoto in Cile o a Haiti, dalle elezioni Afghanistan o in India alla fuoriuscita di petrolio nel Golfo del Messico. All'inizio del 2010 Ushahidi è stato chiamato in causa per Snowmageddon, una piattaforma per gestire l'emergenza maltempo nel distretto di Washington. Sotto una nevicata eccezionale i destini di Ory Okolloh e di Barack Obama si sono alla fine incrociati.

L’articolo continua sotto

Massimo Banzi

Arduino arriva da Ivrea, mittente Massimo Banzi

Il Sole 24 Ore racconta i dieci innovatori del decennio.

John Lasseter

Con John Lasseter e la Pixar i computer bucano lo schermo

Il Sole 24 Ore racconta i dieci innovatori del decennio.

Craig Venter

Un po' cacciatore di geni, un po' star: ecco Craig Venter. Scopri gli innovatori del Sole

Il Sole 24 Ore racconta i dieci innovatori del decennio.

Intervento a Ted del 2008

I 10 innovatori del 2010 per immagini

Tags Correlati: Barack Obama | Eric Holder | Internet | Kenya | Ory Okolloh |

 

Guarda chi usa Ushahidi

Intervento a Ted del 2008

Torna all'elenco degli innovatori

Nòva24

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

MotoGP, Malesia: Marquez super, sue le qualifiche

Tredicesima pole position nella stessa stagione: un numero che da l’idea della voglia di

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da