Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 ottobre 2013 alle ore 12:08.
L'ultima modifica è del 15 ottobre 2013 alle ore 18:56.

My24

Un nuovo, rivoluzionario portatile di Apple: un MacBook da 12 pollici con schermo ad alta risoluzione Retina, batteria che dura più di 12 ore e fattore di forma innovativo. E un nuovo iPad con schermo ad altissima risoluzione, superiore a tutto quello che si è visto sinora sul mercato. E tutto questo per la metà del 2014.

A fare questa previsione sui futuri sviluppi della linea di prodotti futuri Apple, un tempo uno dei segreti meglio tenuti e adesso anticipati con millimetrica precisione nei giorni immediatamente precedenti la loro presentazione, è l'analista di Kgi Securities, Ming-Chi Kuo. Ed è una previsione molto speciale, perché sinora Kuo è riuscito ad azzeccare con molti mesi di anticipo tutti i prodotti futuri di Apple, come ritiene di aver fatto anche questa volta con quasi 12 mesi di anticipo.

La serie di previsioni azzeccate da Kuo è ritenuta più unica che rara. L'analista infatti aveva capito con un anno di anticipo i dettagli degli annunci dei lanci del 2012 e del 2013, oltre ad altri cambiamenti nella strategia di Apple: dalle caratteristiche degli iPhone 5 ai nuovi iMac con schermo ultra-sottile, dalla dismissione del MacBook Pro da 17 pollici all'arrivo degli iPad mini. Per questo la sua previsione di metà 2014 viene considerata molto attendibile, anche se arriva probabilmente a pochi giorni dagli annunci di nuovi prodotti Apple per quest'anno: è indicato da molti che entro la fine del mese l'azienda guidata da Tim Cook dovrebbe lanciare una nuova versione dei suoi MacBook Pro e Retina, oltre alla quinta, nuova generazione di iPad (che prenderà la forma più filante dei mini attuali) e iPad mini (che potrebbero guadagnare lo schermo Retina).

Invece, nella previsione di Kuo, super-oracolo degli affari della Mela, le sorprese sono due. La prima è la sesta generazione di iPad, che dovrebbe avere uno schermo di altissima risoluzione, superiore a quella attuale dei Retina, a sua volta non più la più alta disponibile sul mercato. La scelta di Apple sarebbe andata, secondo Kuo, nella direzione di un display con il 40% di pixel in più degli attuali iPad Retina che permette di avere consumi inferiori agli attuali, più luminosità e stabilità, fattore di forma ancora più sottile.

Una tecnologia simile oppure quella Retina verrà utilizzata anche per lo schermo ad altissima risoluzione del futuro MacBook Pro da 12 pollici. Un formato intermedio, che secondo l'analista dovrebbe portare a sintesi la portabilità estrema dell'attuale MacBook Air 11 pollici e la possibilità di lavorare comodamente del MacBook Air 13, entrambi attualmente in commercio ma non con uno schermo ad alta risoluzione. Invece il prodotto di nuovo design pensato da Apple andrebbe a riassumere questo pezzo di mercato, riposizionando o facendo chiudere le altre linee di prodotto.

Alla base di questo nuovo portatile che secondo Kuo avrebbe un fattore di forma "ultrapiatto e a conchiglia, qualcosa mai visto nel mercato e assolutamente innovativo", ci sarebbe la tecnologia Edp (Embedded DisplayPort), che permette connessioni ultrarapide e a basso consumo tra Cpu e display dei computer o dei tablet, abilitando risoluzioni estremamente elevate e che sarà, secondo Kuo, una delle tecnologie chiave nel futuro di Apple, con ricadute importanti per alcuni degli attori della sua catena di fornitori (in particolare per la taiwanese Parade Technology). Questa tecnologia permetterà di avere consumi minimali, ai quali si aggiungerà la prossima generazione di processori Intel della famiglia Haswell, capaci di portare l'autonomia delle batterie oltre il muro delle 12 ore.
Invece, Kuo non prevede un MacBook Air con processore Arm e sistema operativo iOS (come altri sostengono Apple stia preparando) né un iPad maxi con schermo da 12 pollici o più, che avrebbe le dimensioni di una cartella e sarebbe, secondo l'analista, poco utilizzabile.

Commenta la notizia