Tecnologia

I nuovi MacBook «piuma» spiegati: una sola porta e touch a…

DISPONIBILI ANCHE COLOR ORO

I nuovi MacBook «piuma» spiegati: una sola porta e touch a pressione

«Ci siamo posti la sfida di reinventare il notebook e... lo abbiamo fatto». Tim Cook parla alla platea curiosa di sapere di più sull’Apple Watch e un po’ a sorpresa, anche se qualche indiscrezione era emersa, introduce i nuovi MacBook da 12 pollici. Sottilissimi: soltanto 13,1 millimetri contro i 17 del MacBook Air. E super leggeri: 0,88 chili contro 1,08 dell’Air. «Riuscite a vederlo? Io quasi non lo sento».

Sarà questo il momento wow del keynote, visto che l’Apple Watch era già stato mostrato a settembre. I nuovi MacBook a prima vista sembrano il perfetto incrocio tra iPad e computer portatile. Le colorazioni della scocca in alluminio sono oro, argento e grigio siderale. Dettaglio per appassionati: sparisce il logo della mela illuminata sul coperchio, sostituito da una mela in metallo con finitura a specchio.

L’innovazione che più salta all’occhio è la presenza di un solo connettore, denominato Usb-C, che funge da ingresso per la ricarica della batteria, Usb e video (DisplayPort, Hdmi e Vga). Una scelta dettata dall’esigenza di ridurre spessore e peso che piace sul piano del design, meno su quello della funzionalità: se si vogliono usare più ingressi insieme tocca acquistare un adattatore multiporta (costa 89 euro sullo store Apple). Non è la prima volta che Apple fa scelte del genere: l’Air non ha una porta ethernet, l’iPad ha solo connettore lightning per e cuffie audio. Oltre alle esigenze di spazio c’è l’idea di Apple di spingere i suoi servizi AirDrop ed AirPlay che servono proprio a fare i trasferimenti senza cavi, ma sono limitati al mondo Apple. E poi c’è il fatto che la batteria, dice l’azienda, dura un giorno intero.

Altra novità è il nuovo trackpad Force Touch. I sensori di pressione integrati permettono di cliccare in qualsiasi punto con lo stesso risultato e soprattutto c’è un nuovo input: facendo un clic seguito da una pressione più profonda si ottiene, ad esempio, la definizione di una parola, una mappa o l'anteprima di un file. Oppure - lo abbiamo provato nell’area demo - si può accelerare la velocità di riproduzioni di un video in base a quanto facciamo pressione. È una tecnologia che, specie quando potrà arrivare sul touch di tablet e smartphone, potrà trovare applicazioni nel mondo dei videogiochi.

Si è parlato a lungo della tastiera. I tasti - ognuno ha un led di retroilluminazione - hanno un nuovo meccanismo a farfalla che riduce il loro spessore del 40% rispetto al tradizionale meccanismo a forbice. Promette anche più stabilità e precisione.

Il nuovo MacBook non ha la ventola. Il display è retina da 12 pollici in formato 16:10. Risoluzione di 2304x1440 pixel. Nemmeno il prezzo passa inosservato. Il modello con processore a risparmio energetico Intel Core M dual-core a 1,1GHz con velocità turbo boost fino a 2,4GHz, 8GB di Ram, unità flash da 256giga e processore Intel HD Graphics 5300 costa 1.499 euro. Il modello che invece ha 1,2GHz con velocità turbo boost fino a 2,6GHz e unità flash da 512GB nel costa 1.829. In vendita dal 10 aprile.

© Riproduzione riservata