Tecnologia

Luiss mette l'università in un'app

App

Luiss mette l'università in un'app

La digitalizzazione entra alla Luiss che lancia un'applicazione content driver, propaggine portatile di una piattaforma alla quale, con il tempo, verranno aggiunti moduli e servizi.

L'applicazione, disponibile da oggi sugli store di Apple e Google, permette agli studenti di consultare il calendario delle lezioni, conoscere lo stato di affollamento delle aule e controllare il calendario esami. Tra i servizi già disponibili anche quello dedicato alla biblioteca, tramite il quale prenotare libri, controllarne la disponibilità e creare liste personalizzate di volumi da consultare. Tra le feature immediatamente disponibili: la possibilità di controllare la propria posizione amministrativa e l'accesso ai canali 2.0 dell'ateneo, tra i quali la piattaforma e-learning, la TV e Radio Luiss e alle diverse associazioni di studenti. È possibile inoltre dare un'occhiata ai menu serviti dalla mensa, scorrere le convenzioni stipulate tra ateneo e commercianti e inserirsi nel circuito Luiss Carpooling per offrire e cercare passaggi in auto, con servizi integrati e in continua espansione come, ad esempio, il Lost&Found che permette agli studenti di ritrovare oggetti smarriti.

«Un servizio disruptive che capovolge totalmente il paradigma e l'approccio dello studente verso l'Università – accoglie l'applicazione con questa parole, il direttore generale Giovanni Lo Storto – il punto di forza è trasformare quello che apparentemente è un portfolio di servizi, in uno strumento interattivo e personale, grazie al quale ognuno può scoprire nuove potenzialità di condivisione e socializzazione, contribuendo a rafforzare la dimensione digitale del campus».

Il valore aggiunto è l'educazione allo strumento e alla cultura del concetto di piattaforma web, un framework in continua espansione che permette di risparmiare tempo e di organizzare la propria giornata con maggiore efficacia. Non manca la componente social che permette di condividere contenuti sulle reti e non manca l'uso di tecnologie ormai imprescindibili: dalla nuvola alle cifrature per garantire la sicurezza e impedire disturbi esterni all'ecosistema Luiss. I prossimi servizi saranno i pagamenti online e la continua implementazione dei servizi news, avvisi e eventi per creare una customer base avvezza all'uso delle applicazioni.

Non è una prima mondiale, sono decine gli atenei al mondo che hanno già puntato sulla digitalizzazione e la trasposizione verso il 2.0, vanno segnalate l'app Mobile Barnard (del Barnard College) e quella della Georgetown University ma è importante, anche alle nostre latitudini, annettere a qualsiasi disciplina universitaria il potenziale dei processi digitalizzati, che saranno materia prima e comune degli studenti, una volta entrati a titolo definitivo nel mondo del lavoro.

© Riproduzione riservata