Tecnologia

Arrivano in Italia le prime banche «mobile first»

number26 e soldo.com

Arrivano in Italia le prime banche «mobile first»

Sono rivolte al pubblico più giovane dai 18 ai 35 anni le nuove banche il cui conto si attiva solo sullo smartphone: tra le ultime nate NUMBER26 e Soldo.com. I fondatori della prima start up, creata nel 2013 a Berlino, sono Valentin Stalf (30 anni) e Maximilian Tayenthal (35 anni) che hanno attivato il servizio prima in Germania e Austria e ora lanciato in Francia, Italia, Slovacchia, Grecia, Spagna e Irlanda. Partner del servizio sono la banca tedesca Wirecard Bank AG e Mastercard mentre tra gli investitori di peso si segnalano Peter Thiel (ex fondatore di Paypal) con 10 milioni di euro, gli svizzeri Daniel S. Aegerter e Redalpine Venture Partners e l'acceleratore di imprese dell'editore tedesco Alex Springel Plug&Play.

La seconda invece si chiama Soldo ha sede a Londra ma con un team italiano: Carlo Gualandri (uno dei fondatori di Virgilio.it) a Roberto Bonanzinga Capo della Divisione Investment di H-FARM e Co-fondatore del fondo InReach Ventures.Il funzionamento di NUMBER26 è semplice: l'utente scarica l'app per Android o IoS e in otto minuti e crea il conto corrente. Basta inserire una mail, il numero di telefono, mostrare durante una video call la propria carta di identità o il passaporto e rispondere ad alcune domande dell'operatore. Dopo aver effettuato l'iscrizione si riceve a casa la carta di credito MasterCard che si può usare ovunque senza pagare alcuna commissione. L'applicazione offre anche alcuni servizi utili: ricezione di notifiche di avvenuto pagamento in tempo reale, facili statistiche su come vengono spesi i soldi, consigli su come risparmiare e gestire nel modo migliore i propri averi, il blocco della carta immediato con un solo tasto sul telefonino. Il guadagno della start up è nelle transazioni, con una microtassa applicata sugli acquisti effettuati a carico dei commercianti e negli interessi maturati sui depositi degli utenti nelle banche partner.NUMBER26 ha già quasi centomila utenti e prevede nei prossimi mesi di continuare la sua scalata in tutti i Paesi dell'Unione.

Soldo.com invece, non è ancora disponibile, ma comincia a raccogliere iscrizioni online. Il servizio che non ha al momento un istituto bancario alle spalle, offre comunque la possibilità di ottenere un nuovo conto online gratuito e ottenere carte prepagate innovative gestibili da un'app. Oltre alla carta di credito fisica MasterCard, si possono attivare e disattivare molteplici carte virtuali create ad hoc per gli acquisti online, impostare regole e limiti di spesa e visualizzare grafici intuitivi relativi alle transazioni. Soldo non è una banca ma è autorizzata dalla Financial Conduct Authority per condurre attività di servizi di moneta elettronica in accordo con le Electronic Money Regulations 2011. Per aprire un account Soldo, basterà essere maggiorenni, avere un numero di telefono italiano o UK e un dispositivo Apple o Android per poter utilizzare l'applicazione.

© Riproduzione riservata