Tecnologia

Ericsson Ego2015, ecco le 4 startup selezionate

startup

Ericsson Ego2015, ecco le 4 startup selezionate

Sono state annunciate nel corso di un evento di beneficienza della Fondazione Lars Magnus le quattro startup selezionate da Ericsson per la settima edizione del Programma EGO. Quattro giovani aziende che avranno la possibilità di far crescere la propria idea d'impresa all'interno del campus Ericsson di Roma, dove usufruiranno di un periodo di accelerazione di due anni, con l'azienda svedese che metterà a disposizione uffici, contatti e consulenza, senza trattenere alcuna quota societaria, trattandosi di un progetto di responsabilità sociale. La vincitrice del Premio per l'Innovazione 2015 è andato ad Atooma, che potrà quindi vivere da vicino il prossimo Mobile World Congress di Barcellona. Gli altri tre progetti vincitori sono – in ordine di classifica - OpenMove, Smart Tyre, Greenspider. Ma eccoli nel dettaglio

Atooma
Si tratta di una start-up fondata nel 2012 da Fabrizio Cialdea e Gioia Pistola. Il suo smart assistant per Android ha da subito riscosso importanti successi come il Mobile Premier Award, il Telekom Innovation Contest, TechCrunch Italy e StartTelAviv. La vittoria al Programma EGO di Ericsson è arrivata grazie a Resonance A.I., una piattaforma per l'Internet of Things dedicata ai produttori di dispositivi e agli sviluppatori di app, in grado di raccogliere informazioni da diverse fonti (smartphone, wearables, app), apprendere da queste ultime il comportamento e le abitudini dell'utente e reagire di conseguenza, offrendo suggerimenti e azioni intelligenti su ogni dispositivo.

OpenMove
È una startup che ha sviluppato una nuova modalità per pagare i biglietti di bus, treno, metro e parcheggio. Si tratta di una soluzione per la smart mobility basata sugli open data, ottimizzata per i tre diversi attori dell'ecosistema della mobilità: utenti, società di trasporto e attività commerciali. Gli utenti possono trovare la miglior combinazione di viaggio e possono pagare dall'app dello smartphone. Il progetto di OpenMove, inoltre, consente alle società di trasporto – pubbliche e private - una soluzione completa, semplice da utilizzare e senza costi di implementazione. Inoltre, attraverso degli accordi commerciali, i clienti dei negozi possono accumulare crediti all'interno dell'app. La startup ha recentemente vinto il premio eGov 2015, per il miglior progetto italiano di eGovernment 2015.

Smart Tyre
Si tratta di un progetto della start-up Wriggle Solutions che nasce dall'idea di 3 giovani ricercatori della Scuola Superiore Sant'Anna. È una soluzione integrata di sensoristica low-cost e cost-effective, supportata da elaborazioni e archiviazione di dati in tempo reale, in grado di monitorare lo stato degli pneumatici del proprio veicolo e di rilevare e segnalare al conducente eventuali criticità per poter prevenire incidenti. In questa infrastruttura è possibile integrare servizi aggiuntivi volti ad abbattere consumi di carburante ed emissioni di CO2, analizzare e ridurre i costi operativi per flotte di veicoli commerciali e i costi assicurativi per guidatori prudenti.

Greenspider
Questa è una startup nata in Germania con un team guidato da un CEO italiano, Alessandro Cantore. Il campo è quello delle soluzioni smart per la condivisione di veicoli. Il loro SMASH (Smart Sharing) è un dispositivo miniaturizzato, a bassissimo consumo, dotato di connettività mobile, localizzazione, e comunicazione di prossimità. Può essere installato su piccoli mezzi di trasporto urbani rendendoli intelligenti e facilitandone l'accesso mobile e l'utilizzo condiviso. L'aspetto più innovativo è la capacità di rendere interoperabili schemi di veicoli eterogenei, introducendo quindi un grande beneficio per gli utilizzatori.

© Riproduzione riservata