Tecnologia

Non muore mai l’eterna crisi del pc

analisi

Non muore mai l’eterna crisi del pc

È stato un anno da dimenticare, il 2015, per il mercato dei Personal Computer. Il report diffuso da Gartner qualche giorno fa è impietoso: 288,7 milioni unità vendute, con un calo dell'8% rispetto al 2014. Anche IDC ha diffuso dati molto simili. Il quarto trimestre dello scorso anno, inoltre, ha fatto segnare «il quinto trimestre consecutivo di calo nelle consegne mondiali di PC», secondo l'analista Mikako Kitagawa. Hanno perso quote di mercato tutti i grandi produttori, tranne Apple che – anno su anno – ha fatto registrare un +5,8%. La classifica mondiale, intanto, vede l'azienda di Cupertino al quinti posto, dietro a Lenovo, Hp, Dell e Asus.

Sia Gartner che IDC sono concordi sul fatto che nel corso del 2016 il mercato possa tornare a respirare, anche e soprattutto grazie alla diffusione di Windows 10, con un rinnovo, sia lato business che consumer, che potrebbe trovare la spinta giusta proprio dall'ultimo sistema operativo di Microsoft. C'è da dire che molti analisti ritengono Windows 10 in qualche modo “responsabile” della frenata dello scorso anno. La licenza gratuita (per il primo anno) del sistema operativo di casa Microsoft potrebbe essere stata un freno a mano per le vendite, convincendo aziende e privati che hanno acquistato un Pc nel biennio 2013/2014 a non rinnovare il device.

Le cause del tracollo del mercato nel 2015, comunque, sono molteplici, e vanno ricercate anche nelle abitudini dei consumatori. Se si considera che nel corso dell'anno appena trascorso Apple, col solo iPhone, ha superato tutti i Pc Windows, si ha un'idea di come gli smartphone (sempre più grandi, sempre più business) stiano rosicchiando fette di mercato sempre più importanti.

Ma la concorrenza ai Pc, secondo gli analisti, non arriva solo da smartphone e tablet, che comunque rimangono gli avversari più duri.. La diffusione di nuovi device indossabili, come gli smartwatch, non aiuta il mercato dei Personal Computer. Indice puntato contro le poco entusiasmanti CPU Skylake di Intel.

© Riproduzione riservata