Tecnologia

Da Htc Vive a Samsung Vr: tutti i costi nascosti del virtuale

analisi

Da Htc Vive a Samsung Gear Vr: tutti i costi nascosti del virtuale

Ora che sappiamo praticamente tutto: prezzi, date, specifiche e tecnologia. Ora che praticamente tutti i big interessati al business della realtà virtuale hanno calato le carte, tocca davvero fare due conti. Quanto costerà la realtà virtuale casalinga? Costerà tanto. Almeno per il primo anno sarà inutile delineare un prodotto per il mercato di massa.

Partiamo da Oculus: chi ha effettuato i preordini a gennaio si vedrà recapitare visore e accessori a fine marzo spendendo 742 euro (699 euro più spese di spedizione). Per farlo funzionare servirà un pc. I requisiti minimi indicano come scheda grafica Ge Force Gtx 970 (si pare da 320 euro) e 8 Gb di Ram. Facendo i calcoli si arriva a 1500 euro, negli store online filtra la notizia di un bundle Oculus Ready da 1300 euro.

I preordini di Htc Vive partiranno alla fine di febbraio e l'attrezzatura arriverà a partire dal 5 aprile . Il prezzo sarà 799 dollari (duecento in più di Oculus Rift). In Italia toccherà spendere 899 euro. Quindi facendo le debite proporzioni sarà più costoso (ci si attendeva una forbice maggiore) anche se le specifiche hardware sono leggermente meno esigenti.

Parliamo sempre della configurazione minima. La realtà virtuale per “girare” in maniera ottimale potrebbe richiedere più potenza. Molta più potenza. Almeno così affermano i tecnici di Nvida che di mestiere, va ricordato, vendono schede grafiche. Un gioco tradizionale a 1080p e 60 Hz richiede 120 milioni di pixel al secondo. Per passare da 30 a 90 frame al secondo la Vr richiederebbe 233 milioni di pixel al secondo. Moltiplicato per ciascun occhio fanno 400 milioni di pixel al secondo. Indi ragion per cui la configurazione che giudicano “ottimale” prevede una Gtx 980 Ti, ovvero più di 700 euro solo di scheda. Se fosse così il rischio è di rivivere l'incubo degli anni Ottanta, quando ogni volta che usciva un gioco nuovo toccava potenziare il pc. Più semplice il discorso per Sony e Samsung. La prima non ha problemi di hardware e può contare su una base clienti di oltre 30 milioni di Ps4 nel mondo. Annuncerà prezzo del suo Playstation Vr a metà mese durante la Gdc (Game developer conference di San Francisco). La seconda con la Vr vuole vendere smartphone. Nel senso che il suo visore è realizzato con Oculus e come visore usa il display dei propri smartphone. Per i coreani la realtà virtuale è quindi un ulteriore veicolo per vendere i propri telefonini. Anzi, se si effettua il pre-ordine del Galaxy 7 entro il 10 marzo ti regala il Gear Vr. Costo totale? 729 euro. Da solo il Vr costa 129 euro. Attualmente quella di Samsung è la strada low cost alla realtà virtuale.

© Riproduzione riservata