Tecnologia

Maxi-alleanza Uber, Google, Volvo e Ford per l’auto che…

una lobby per la mobilità del futuro

Maxi-alleanza Uber, Google, Volvo e Ford per l’auto che guida da sola

Una flotta fatta di compagnie automobilistiche e tecnologiche si mette in moto per accelerare lo sviluppo e la diffusione dell’auto che guida da sola. Accade in America, dove è nata una coalizione per spingere le autorità federali a dare un impulso ai provvedimenti destinati a regolare il mercato delle auto a guida autonoma. Di questa nuova alleanza fanno parte Google, Ford, Uber e la sua rivale Lyft e Volvo Cars, controllata dalla cinese Geely. Ma presto potrebbero aggiungersi altri marchi del settore.

La coalizione per l’auto che guida da sola
L’alleanza è stata battezzata «Self-Driving Coalition for Safer Streets». «Lavoreremo con i legislatori, i regolatori e il pubblico per realizzare benefici sociali e di sicurezza dei veicoli senza conducente», si legge in una nota ufficiale diffusa in occasione del lancio. Il portavoce e consulente della coalizione sarà David Strickland, ex funzionario della «National highway traffic safety administration» (Nhtsa), l’ente per la sicurezza stradale parte del dipartimento americano dei Trasporti che sta contribuendo alla creazione delle guidance dedicate alle auto autonome.

Dialogo con la politica per un quadro normativo chiaro
L’obiettivo è ottenere un quadro normativo chiaro, per poter progettare sul medio-lungo periodo. «Il percorso migliore per questa innovazione - ha detto Strickland - è avere una serie ben definita di norme federali; la coalizione lavorerà con i politici per trovare le giuste soluzioni che faciliteranno la diffusione delle auto senza conducente». Il beneficio sarà collettivo, visto che «la tecnologia delle auto che si guidano da sole renderà le strade d’America più sicure e meno trafficate». Secondo una statistica riportata da Uber, sono circa 1,3 milioni all’anno le vittime per incidente stradale negli Stati Uniti.

Appuntamento alla Stanford University
Mentre i cinque gruppi si preparano a fare lobby per lanciare un mercato ancora in fase embrionale, la Nhtsa terrà un secondo forum pubblico dedicato al tema in cui ascolterà commenti da produttori di auto e gruppi tecnologici. Il primo si svolse al quartier generale del dipartimento dei Trasporti a Washington; questa volta avverrà alla Stanford University, nel cuore della Silicon Valley. Stando a quanto annunciato, la Nhtsa dovrebbe presentare un insieme di regolamenti entro l’inizio dell’estate prossima.

Anche la Cina punta sulla guida autonoma
Intanto il cammino dell’auto autonoma prosegue anche in Cina, e anche in questo caso la spinta viene dal un brand della tecnologia. Il gigante cinese dell’elettronica LeEco presenterà al Solone di Pechino il prototipo LeSee (Super Electric Ecosystem), un’auto a guida autonoma dal design futuristico, che si propone di diventare l’anti-Tesla nata sotto il segno del Dragone.

© Riproduzione riservata