Tecnologia

Google sceglie il car pooling di Waze (e scarica Uber)

INFORMATION TECHNOLOGY

Google sceglie il car pooling di Waze (e scarica Uber)


È la mobilità il nuovo tormento delle big del mondo tecnologico. E se Apple, appena qualche giorno fa, ha annunciato un investimento importante (un miliardo di dollari) in Didi Chuxing, la rivale cinese di Uber, nella scacchiera internazionale oggi è Google a muovere la sua pedina.

Alphabet, infatti, ha annunciato un nuovo servizio di car-pooling, strettamente legato a Waze, applicazione israeliana che Google ha acquistato nel giugno del 2013 per una cifra di 1,3 miliardi di dollari. E oggi - quella che in principio sembrava solo una piattaforma di mappe digitali per la navigazione su strada dove gli automobilisti condividono segnalazioni in tempo reale (come ad esempio la presenza di ingorghi oppure di lavori in corso) - si trasforma in qualcosa di più interessante e sicuramente più profittevole.

Il servizio di chiama Waze Rider, e dopo un periodo iniziale di test limitato al territorio israeliano, da oggi approda a San Francisco. Fonti vicine alla società di Mountain View, tuttavia, rassicurano sul fatto che l'espansione a livello internazionale del servizio è veramente vicina. Del resto Waze è una delle app più diffuse al mondo, e l'implementazione di Rider non sembra essere così complicata.

Come funziona
L'idea di Google è quella di ridurre le auto in circolazione, mettendo in condivisione i viaggi di chi percorre lo stesso tratto di strada. Come ad esempio i colleghi d'ufficio, o i pendolari che ogni giorno percorrono la stessa strada. Ware Rider è una applicazione (disponibile per Android e iOS) attraverso la quale – come la maggior parte delle app del genere – si offre/trova il passaggio, si pattuisce e si completa la transazione finanziaria. Attualmente, ai conducenti viene riconosciuto un compenso di 0,54 dollari per ogni miglio, più il prezzo del carburante.

Waze Carpool

Google scarica Uber?
La notizia nella notizia, tuttavia, è un'altra. La mossa di Google pare abbia spiazzato Uber, startup diventata colosso che in Big G ha sempre trovato un fedele alleato. Nel 2013, prima del vero boom, Google investì in Uber 258milioni di dollari. Una cifra enorme per una startup. Una cifra che consentì a Uber di crescere. Oggi, con Waze Rider (che di fatto è un servizio di proprietà di Google), questo matrimonio sembra inclinarsi.

© Riproduzione riservata