Tecnologia

Pagamenti istantanei con il bitcoin: arriva Thunder, l’app che…

fintech

Pagamenti istantanei con il bitcoin: arriva Thunder, l’app che taglia i tempi

  • –di P.Sol.

La sicurezza, l’assenza di autorità centrali, il sistema aperto a tutti e l’impossibilità di modificare le transazioni: sono questi i punti di forza del bitcoin. A scapito della velocità, che non è certo la caratteristica vincente della criptovaluta più famosa del mondo. L’inventore, il misterioso Satoshi Nakamoto, si è preoccupato più di costruire un sistema integrato che garantisse l’apertura e la certificazione distribuita che di lavorare sulla rapidità della transazione.

E’ pur sempre una questione relativa, visto che un’operazione in bitcoin richiede oggi tra i dieci e i venti minuti per ricevere la conferma da parte della blockchain ed essere finalizzata. In ogni caso molto meno di una transazione tramite banca, anche via web. Ora arriva in soccorso Thunder, l’applicazione messa a punto da Blockchain, l’azienda che gestisce il più popolare wallet per bitcoin. Thunder si vanta di poter gestire 100.000 transazioni al secondo, una quantità impressionante tenendo conto che l’intera rete globale del circuito Visa è in grado di “processare” 56mila transazioni al secondo, poco più della metà.

Il trucco con cui Bockchain è riuscita a tagliare drasticamente i tempi delle transazioni è l’utilizzo di una rete Lightning, a cui la startup sta lavorando da tempo proprio per migliorare la scalabilità e la velocità del bitcoin. In sostanza queste reti alternative permette di finalizzare la transazione anche se non tutti i nodi della rete ne sono a conoscenza e intervengono per validarla.

Thunder, che è in grado di operare anche con altre critpovalute, di fatto costituisce una nuova rete, più ridotta, che certifica l’operazione aggiungendo le necessarie righe di codice all’interno del blocco digitale. Mentre la blockchain tradizionale sottostante al bitcoin richiede che tutti i server della rete condividano lo stesso registro delle transazioni aggiungendo la riga di codice. Il che giustifica il tempo necessario per concludere le transazioni

© Riproduzione riservata