Tecnologia

Dossier Gestione delle risorse con dati in real-time

    Dossier | N. (none) articoli

    Gestione delle risorse con dati in real-time

    La rinascita del Sud Italia passa attraverso l'intelligenza artificiale? È l'opinione di Pasquale Davide De Palma, che con la sua startup Das HumanKapital, fondata nel marzo 2015 a Molfetta, intende rivoluzionare la gestione delle risorse umane.

    Das HumanKapital nasce come blog in cui De Palma, autore di due libri pubblicati da McMillan sugli aspetti sociali del mondo del lavoro, dialoga con professori e manager internazionali. «Ho scelto il tedesco perché è l'unica lingua in cui “umano” viene prima di “capitale”. Ritengo che le aziende debbano mettere le persone al centro e che i processi organizzativi vadano costruiti dal basso verso l'alto». Insieme a Maria Cesaria Giordano e Dario Nuccetelli, De Palma ha creato una società per mettere in pratica le sue idee.

    «Entro il 2018 mi servono 1,8 milioni di euro per arrivare a regime con 18 programmatori/sistemisti - ci ha detto -. Tuttavia per scelta, volendo costruire una startup al sud, abbiamo scelto di non servirci di venture capital. Per avviare la struttura abbiamo ceduto il 20% dell'azienda a un gruppo di imprenditori locali. Il resto deve arrivare attraverso i clienti e il lavoro di consulenza e formazione. Il prodotto deve crescere perché esiste un mercato». Il prodotto in questione è la piattaforma di social intelligence People Performance Plan 3.0, già in corso di sperimentazione da parte di una grande multinazionale. «È uno strumento con cui si può evitare di stare in ufficio, avendo via computer o smartphone gli strumenti per lavorare e dialogare con tutti.

    La piattaforma consente una gestione delle risorse umane basata sull'analisi in tempo reale dei dati che provengono dal basso. Questo consente grandissimi risparmi: una valutazione dell'azienda a 360° si può fare in una settimana invece che in sei mesi. Può essere utile per analisi del clima aziendale, recruiting online, gestione del car-sharing, skill inventory e molto altro». A questo prodotto già innovativo viene ora applicata l'intelligenza artificiale di Ibm Watson. L'azienda è entrata a far parte dell'Ibm Global Entrepreneur Program, e nel corso del 2016 intende integrare nel proprio prodotto sette delle 18 API di Watson. «Per esempio Personality, l'API che costruisce il profilo delle persone. Ci darà la capacità di individuare i “leader informali2, che fungono da collante all'interno dell'azienda». Secondo De Palma l'intelligenza cognitiva diventerà fondamentale nei processi organizzativi «nel giro di mesi, non di anni», e tra i suoi progetti futuri c'è la costruzione di una partnership entro il 2017 per sperimentare nel campo della robotica cognitiva. (M.Pa.)

    © Riproduzione riservata