Tecnologia

Appathon, al team Sbda (Irlanda) il primo premio con l’app…

startup

Appathon, al team Sbda (Irlanda) il primo premio con l’app di «smartbanking»

Smartbanking è una applicazione per ottimizzare la propria liquidità quotidiana sulla base degli eventi programmati (acquisti, spese, bollette, viaggi). Loro sono il team SBDA, vengono da Dublino e hanno vinto l’edizione di quest’anno dell’Appathon di Unicredit. In sostanza si sono aggiudicati il primo premio, una collaborazione professionale del valore di 50mila euro con UniCredit Business Integrated Solutions. Quest’anno la manifestazione che si è tenuta ieri ha visto l'iscrizione di 191 squadre impegnate. È il terzo hackathon finanziario ma il primo a svolgersi online su base internazionale. Negli anni scorsi un paio di app sono entrate a far parte dei prodotti e dei servizi di Unicredit e qualche team è stato chiamato a lavorare ai progetti digitali del gruppo bancario.

Le candidature sono arrivate da 70 città in 26 Paesi europei, in massima parte Italia (32 team), Gran Bretagna (22 team), Francia (9 team) e Irlanda (7 team).
Tre sono state le tematiche che i team hanno potuto affrontare nei propri progetti: Pagamenti digitali in conformità alla normativa PSD2, Digital wallet e consegna istantanea di informazioni complesse grazie ai Big Data.

Appathon Unicredit

I giurati hanno espresso il proprio parere valutando le proposte dei concorrenti in base a 6 parametri: valutazione tecnica, completezza, innovazione, realizzabilità, attinenza al tema e alle API.
Il secondo premio, due biglietti per Finovate London 2017, è andato al gruppo Sedicii, proveniente da Waterford (Irlanda), che ha presentato una soluzione che garantisce la sicurezza dei dati sensibili nella fruizione di servizi online.
Il terzo gruppo classificato, All Industries di Roma, si è invece aggiudicato un virtual reality headset con “TalkForce”, una chatbot (risponditore automatico via chat) basato sull'intelligenza artificiale che consente di consultare il proprio saldo o effettuare pagamenti.

© Riproduzione riservata